Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 19 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:33 - Utenti collegati 689
Dove sei: Prima pagina > Cultura Biblica > I dubbi delle origini




 

 

 
 
- I dubbi delle origini -
 
Un dato storico assolutamente sicuro per fissare la data della nascita di Gesù è che egli nacque circa due anni prima della morte di Erode il Grande. intorno al 6-5 a.C. Nulla di certo sul piano scientifico si può affermare sulle sue origini. Dai Vangeli apprendiamo che Gesù (un nome comune nell’ambito giudaico), concepito per opera dello Spirito Santo, ha avuto una nascita puramente teologica. Trascorre tutta la sua vita terrena da laico; vive i suoi primi 30 anni a Nazarèt, una sconosciuta città collinare della Galilea meridionale. Non si hanno notizie di questo periodo. Il padre legale Giuseppe, forse carpentiere di professione, non compare durante il suo ministero perché presumibilmente era morto. Sua madre Maria, invece, è menzionata, come anche i suoi fratelli Giacomo, Giuda e Simone. La maggior parte dei riferimenti che si trovano nei Vangeli indicano che i parenti di Gesù, ad eccezione della madre Maria, non lo seguirono durante il suo ministero pubblico.   
Nulla sappiamo dell’educazione formale di Gesù. I suoi oppositori, infatti, si chiedevano come egli potesse conoscere le Scritture quando non aveva mai studiato sotto la guida di un maestro riconosciuto. Ad un certo punto nel 27-28 d.C., durante il regno di Tiberio, Gesù emerge dall’oscurità e compare sulla scena ricevendo il battesimo da Giovanni il Battista, figura storica conosciuta attraverso Giuseppe Flavio. Giovanni aveva alcuni tratti dei profeti dell’Antico Testamento; chiamava Israele al pentimento dei propri peccati e alla purificazione con il battesimo in vista dell’imminente giudizio divino. Il fatto che si sia sottoposto al battesimo di Giovanni, indica che Gesù accettava la missione e il messaggio di Giovanni, il Battista. Non è escluso, anche, che quando Gesù si mise per conto proprio ci possa essere stata qualche occasione di rivalità tra i gruppi di Giovanni e quelli di Gesù, almeno per il periodo in cui i due ministeri si accavallarono, in pratica fino all’arresto di Giovanni il Battista. Gesù diede continuità al messaggio escatologico di Giovanni che era imperniato sul terribile giudizio imminente e sulla punizione che sarebbe stata inflitta ai peccatori. Giovanni il Battista però tacque sulla promessa della salvezza, Gesù invece mise l’accento sulla gioia della salvezza, già operante, e che presto si sarebbe compiuta. 
 



Notizia letta: 1063 volte
 
Commenta la notizia
 
 0 commenti