Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:33 - Utenti collegati 571
Dove sei: Prima pagina > Cultura Biblica > Gesù personaggio storico




 

 

 

- GESU’, Personaggio storico -
 
 
Un dato storico inconfutabile è quello dell’esistenza del movimento cristiano nella prima metà del I° secolo d.C. Erano queste le prime comunità cristiane, costituite dai convertiti dal giudaismo e dal paganesimo, che si richiamavano alle predicazioni di Giovanni, detto il Battista, e di Gesù di Nazarèt, un ebreo della Palestina, giustiziato intorno agli anni 30 d.C., venerato e proclamato come il “Messia” ebraico.
        Un interrogativo che spesso si pone riguarda la possibilità di tracciare un’immagine storica di Gesù attraverso i Vangeli e i documenti storici del tempo. Non è possibile dare una risposta certa, almeno per tre ordini di motivi:
1°) è noto che Gesù personalmente non ha lasciato nulla di scritto, né tracce tangibili di se stesso. Ha lasciato solo un elemento impalpabile, apparentemente insignificante: la sua “Parola” affidata ad un “normale” gruppo di persone, i suoi discepoli;
2°) in secondo luogo nessun evangelista si prefissò una stretta disposizione cronologica per un’esatta collocazione temporale della narrazione, né la catechesi della Chiesa primitiva si premurò di esporre una biografia di Gesù, nel senso che oggi si attribuisce a tale termine.
3°) la storiografia ufficiale del tempo, abbagliata e intenta a narrare i fulgori della Roma d’Augusto, ignorò quasi del tutto la figura storica di Gesù, considerato alla stregua di un rivoluzionario e un nemico dell’impero romano. Il cristianesimo venne annoverato acriticamente tra queste sette pericolose e più tardi i cristiani furono perseguitati e uccisi.
4°) Anche le fonti giudaiche riflettono un atteggiamento polemico e calunnioso nei confronti del cristianesimo. La divaricazione tra la chiesa e la sinagoga andò accentuandosi soprattutto a causa della rinascita del giudaismo per opera del rabbinismo farisaico a Jamnia. Pertanto il mondo giudaico volle cancellare tutto quanto Gesù aveva fatto e detto, dottrina e istituzione.
         Il carattere frammentario e l’uso ecclesiale, in certo senso anche popolare del materiale evangelico, comporta indubbiamente una certa riduzione di storicità, escludendo del tutto una ricostruzione della vita di Gesù nel senso storiografico moderno del termine. La natura stessa dei Vangeli, che nel complesso sono permeati della fede pasquale della comunità cristiana primitiva, pone un limite ad una verifica storica perché ogni dato evangelico è legato indissolubilmente alla fede dei testimoni che l’hanno trasmesso. Ma è anche vero che non si tratta di una frammentarietà così totale da impedire che i singoli “pezzi”, centrati su Gesù, siano insufficienti per delinearne aspetto e personalità, e a cogliere il senso che egli ha attribuito alla sua vita.
Anche se i primi evangelizzatori non nutrissero preoccupazioni di carattere propriamente storico o intenti storiografici, ciò non esclude che essi non fondassero la loro predicazione su fatti realmente accaduti. Questa considerazione attesta che i Vangeli non sono solo testimonianze di fede in Cristo, frutto della religiosità delle prime comunità cristiane. I Vangeli veicolano un messaggio e un insegnamento inserito in un preciso contesto storico, con testimonianze di fatti e di accadimenti inerenti la vita terrena di Gesù. Ne consegue che un’interpretazione adeguata e corretta della vita di Gesù deve mantenere sempre un rapporto costante e critico con la sua figura storica, prendendo atto che la proclamazione del suo messaggio spirituale è inscindibilmente unito con la sua esperienza terrena.

 



Notizia letta: 1409 volte
 
Commenta la notizia
 
 0 commenti