Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 14:53 - Utenti collegati 877
Dove sei: Prima pagina > Cultura Biblica > IL MODELLO UNIVERSALE DI TESTIMONIANZA




 

 

 I VANGELI - Un modello universale di testimonianza

 

Il libro dei Vangeli sul piano religioso rappresenta un testo unico e singolare, fonte di verità e guida spirituale per l’uomo, pieno di elevati valori spirituali e di sapienza di vita, ma soprattutto ricco della visione e conoscenza di Dio. Gesù per mezzo degli evangelisti ha inviato un modello universale di testimonianza nel quale si possono attingere le risposte alle tante domande esistenziali che assillano l’umanità tutta intera.
        L’Universalità della Parola di Dio, viva e creatrice, è confermata dall’evangelista Giovanni il quale, in una riflessione retorica, a conclusione del suo Vangelo, dice: «Gesù fece molte opere che non sono mai state scritte, se si scrivessero tutte riempirebbero tanti libri che neanche il mondo intero potrebbe contenerli» (GV 21,25). Molto probabilmente vuole comunicarci che non si finirà mai di indagare e scrivere di Gesù e del suo messaggio unico, universale e intramontabile. Il suo insegnamento, infatti, supera ogni barriera di spazio e di tempo, e potrà sempre essere apprezzato e valorizzato dall’uomo d’ogni epoca all’interno della sua storia e della sua cultura, a testimonianza di un “Pensiero Universale” che ogni generazione può e deve rileggere in chiave d’attualità.
        La testimonianza degli evangelisti c’invita a riconoscere in Cristo il vero re della storia e del mondo. Gesù Cristo è colui che ci può aiutare a leggere la storia dell’uomo alla luce della fede; è colui che ci ha fatto conoscere “l’unicità e l’universalità della Parola di Dio” in grado di guidare l’umanità al raggiungimento della “vera pace”, quella pace di cui tanto parla la Bibbia, che sarà realizzata pienamente soltanto quando l’uomo considererà il suo simile come persona a cui voler bene e non come persona su cui prevalere.
Pur nell’evidente diversificazione della loro narrazione, i quattro evangelisti hanno prodotto un “modello universale di testimonianza” per un progetto che:
- può adattarsi e applicarsi alle esigenze di vita dell’uomo d’ogni luogo, tempo
   e cultura;
- può interagire con situazioni storiche e culturali nuove; 
- mantiene l’energia originaria in grado di stimolare e creare la nuova storia
 come indirizzo e guida per gli uomini del mondo presente e futuro.



Notizia letta: 1318 volte
 
Commenta la notizia
 
 0 commenti