Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 25 Novembre 2017 - Aggiornato alle 23:34 - Utenti collegati 475
Dove sei: Prima pagina > Cultura Biblica > GENESI - L´EVENTO




 
 

 
 
 

 
Le origini del mondo descritte nel primo libro della Genesi utilizzano una terminologia consona sia alla cultura del tempo fondata su una visione mitologica del mondo, sia al genere letterario del tempo caratterizzato da uno stile figurato impregnato di simbolismi. Gli scrittori biblici, nel descrivere il mistero delle origini, hanno attinto ai modelli e ai racconti della cultura mesopotamica sulle origini del mondo popolato. Con una originale e profonda intuizione l’autore biblico dà corpo ad uno dei brani più suggestivi di tutto l’Antico Testamento. Usando immagini tratte dalle antiche mitologie mesopotamiche, come gli alberi, il serpente, il giardino, il diluvio, descrive la condizione dell’uomo alle origini, i suoi rapporti con Dio creatore e con la natura vivente, la sua dignità, la sua responsabilità morale, l’origine e il significato della sessualità
La prospettiva biblica non si preoccupa di raccontare quando sia sorto materialmente il cosmo o quando sia apparso l’uomo; né poteva farlo data l’assoluta mancanza di specifiche cognizioni scientifiche a quell’epoca. La Bibbia  nel libro della Genesi indirettamente pone i seguenti quesiti: ‘chi è veramente l’uomo’, ‘da dove viene’, ‘dove va’, ‘qual’è il suo fine’. Risponde formulando e riproponendo a sua volta due riflessioni-interrogazioni: la prima, se affidarsi al caos e al caso o ad una intelligenza suprema, la seconda indirizzata a dare un volto al senso della realtà e al male del mondo. La Bibbia dà una risposta immediata al primo interrogativo, affermando «nel principio Dio creò il cielo e la terra» ( Gen. 1,1); al secondo problema non dà una risposta immediata. Dopo una profonda analisi sull’origine male, accompagnata da un lungo processo di maturazione che attraversa tutto l’Antico Testamento, la Bibbia ripone la sua risposta conclusiva in Gesù Cristo, il Figlio unigenito, l’Uomo-Dio inviato sulla terra che, a costo della propria vita, smaschererà il vero volto del male.



Notizia letta: 1371 volte
 
Commenta la notizia
 
 0 commenti