Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 14:38 - Utenti collegati 1150
Dove sei: Prima pagina > Cultura Biblica > Indirizzo alla lettura




- INDIRIZZO  ALLA   LETTURA -



La Bibbia costituisce una vasta raccolta di libri antichi risalenti a circa 2000-3000 anni fa, scritti in lingue differenti, ad opera di vari autori vissuti in epoche diverse e luoghi diversi, lontani fra loro nel tempo interi millenni, piuttosto distanti dalla ment alità e dalla cultura degli uomini moderni. Sul ‘piano religioso’ la Bibbia è considerata un libro ispirato, contenente il messaggio inviato da Dio all’umanità nella storia, deputato a rappresentare il punto di riferimento autorevole delle grandi religioni monoteiste (Ebraismo, Cristianesimo, Islamismo). La tradizione, sia giudaica che cristiana, ha sempre considerato la Bibbia un libro divino, non tanto perché contiene verità religiose, quanto perché ritenuto scritto da Dio con il concorso di determinati autori umani. La Bibbia, però, non rappresenta soltanto un prezioso libro religioso. Da secoli ha prodotto una serie incalcolabile di testimonianze attestanti che milioni di persone in tutto il mondo vi attingono come ragione e regola di vita. Nonostante luci ed ombre, fondamentalismi, letture spregiudicate e perfino scandalose, la Bibbia contiene innumerevoli pagine di umanesimo, splendidi esempi di santità e indirizzi universali di carattere etico-morale. Sul ‘piano geografico’ lo scenario è rappresentato da un piccolo territorio del Medio Oriente che si colloca tra i fiumi il Tigre, l’Eufrate e il Giordano. In particolare la Palestina, o terra d’Israele, con capitale Gerusalemme, rappresenta il teatro d’azione dei Vangeli. Sul ‘piano redazionale’, la tradizione cristiana ha suddiviso la Bibbia in due grandi sezioni, chiamate <Antico Testamento> e <Nuovo Testamento>. Sul ‘piano letterario’ costituisce una grossa eredità spirituale che ha esercitato un influsso incalcolabile sulla mentalità, sulla cultura e sull’arte di ogni tempo. La Bibbia è costituita da una molteplicità di tecniche espressive che conferiscono al testo diversità di stili narrativi, versioni diverse di un medesimo evento, ripetizioni e talora anche contraddizioni. Venti o trenta secoli separano il lettore dai fatti riferiti nella Bibbia, e solo questo di per sé è sufficiente per sollevare varie difficoltà nella lettura e nell’interpretare un testo in cui le parole umane sono intimamente legate con la “Parola di Dio”.
 
Per la vastità dei temi trattati e per la diversità e complessità letteraria, è veramente difficile per l’uomo contemporaneo individuare il filo conduttore che unisce pagine tanto diverse fra loro sul piano della narrazione. Un primo approccio con il testo biblico implica che non si può affrontare la lettura della Bibbia come se fosse un libro comune o un testo scientifico. Gli uomini che cominciarono a scrivere le prime pagine della Bibbia non avevano a disposizione le nostre cognizioni; inoltre bisogna capire che essi si sono espressi secondo le conoscenze storiche, geografiche e scientifiche del loro tempo. Basti pensare all’immagine della terra, ancora descritta come un disco piatto posto al centro del creato e circondato da un oceano primordiale. Quindi non ci si deve scandalizzare se hanno formulato i loro pensieri religiosi con un linguaggio primitivo e popolare, impregnato di mitologie, spesso desunto sulla base di erronee interpretazioni cosmologiche dell’epoca.Bisogna necessariamente considerare anche il contesto culturale del tempo entro cui gli autori biblici si esprimono, per situarlo nel suo ambiente originale. Essi presentano, infatti, pensieri e avvenimenti conformi agli usi e alle mentalità di epoche diverse e molto distanti dal nostro linguaggio e dalla nostra cultura, per cui bisogna cercare di intuirne il senso per rapportarlo ai modi di intendere e di raccontare consoni della loro epoca. Né si può trascurare il contesto morale del momento storico in cui si colloca la narrazione biblica che riflette il progressivo evolversi della coscienza morale di un popolo.
 
La Bibbia contiene una notevole varietà di generi narrativi (avvenimenti storici, sociali, politici e religiosi) che apportano ai testi condizionamenti, contraddizioni, versioni molto diverse di un medesimo evento, ripetizioni, e salti narrativi: tutti questi fattori contribuiscono a rendere la lettura poco fluida. La Bibbia narra i più svariati racconti (carestie, guerre, ricordi di antichi e esperienze quotidiane, le migrazioni di un popolo, i governi, l’esilio, il dominio di nazioni su altre nazioni etc, etc.). Utilizza una diversità d’immagini,talora drammatiche, al punto da destare sgomento e perplessità (la pratica della schiavitù o del divorzio, quello dello sterminio in caso di guerra), talvolta suggestive o simboliche, senza curarsi della loro coerenza e senza indicarne le fonti, altre volte mitologiche, allegoriche o paradossali, impregnate di un linguaggio provocatorio.

Oggi è veramente difficile ricostruire le diverse tappe di un lavoro narrativo complesso che ha coinvolto intere generazioni distanti nel tempo dalla cultura, dalla mentalità e dalle esperienze degli uomini moderni. Si può intuire, allora, quanto sia complicato interpretare la Bibbia nella mentalità, nei modi di vivere e nei generi letterari che essa riferisce, come non è altrettanto facile ricercarvi il “filo conduttore” che lega pagine tanto diverse sul piano della narrazione e dello stile linguistico. C’è il rischio di non capire la Bibbia, o di scandalizzarsi inutilmente, di fronte a certi racconti dove con forza trasuda un’umanità violenta, che arriva perfino a coinvolgere la stessa identità di Dio.

Queste difficoltà fanno della Bibbia un libro chiuso, la cui interpretazione sempre problematica richiede una competenza tecnica e rischia di farne un campo riservato a studiosi e a pochi specialisti di Sacre Scritture. Bisogna allontanare anche il luogo comune di considerare la Bibbia un libro anacronistico e poco credibile sul piano storico e letterario. Bisogna impedire, infine, di fare della Bibbia una lettura letterale che potrebbe sfociare nel fondamentalismo o in una lettura personale per ricercarvi ad ogni costo risposte ai propri problemi di vita.
Considerando che intercorrono oltre duemila anni dalla redazione dei testi biblici, va analizzato con attenzione il senso delle cose che gli autori biblici volevano affermare in quel preciso momento storico, occorre andare alla ricerca dei mille fili nascosti che legano la “Parola” di Dio alla parola degli uomini, per ricavarne il ‘significato spirituale’ che essi volevano trasmettere. Un’interpretazione puramente letterale del testo potrebbe sfociare nel fondamentalismo. Per questo va compiuto uno sforzo intelligente e costante
di penetrare nella mente dell’autore per coglierne il senso originario e genuino.
Tutti gli studiosi concordano nel ritenere che per poter accedere con cognizione al testo biblico è necessario che il lettore possieda una chiave di lettura. È indispensabile che il lettore sia fornito di una minima formazione biblica di base sul piano storico, linguistico e letterario, al fine di conoscere l’ambiente in cui ciascun autore è vissuto, e di comprendere il genere letterario all’interno del quale è stato scritto il testo. È necessario fornire al lettore le linee guidaessenziali affinché egli possa essere in grado di fare una lettura religiosa degli eventi riportati nella narrazione biblica. Altrimenti c’è il rischio di non comprendere la Bibbia o di scandalizzarsi inutilmente, di fronte a certe pagine dove con forza trasuda un’umanità violenta che arriva a coinvolgere perfino la stessa identità di Dio. Solo a queste condizioni la lettura della Bibbia può costituire per gli uomini del nostro tempo un’esperienza di confronto e d’incontro con parole antiche, cariche di una forza spirituale non superata, capaci di mutare l’orientamento di una vita per nutrirla di una speranza nuova.
 
Un corretto indirizzo metodologico per leggere e interpretare il testo biblico deve mirare a penetrare nella mente dell’autore per svelare la ricchezza spirituale insita in scritti antichi, apparentemente anacronistici ed eterogenei, nella convinzione della distanza culturale tra il mondo del I° secolo e quello del terzo millennio, e preoccupandosi che la realtà di cui parla la Bibbia è rivolta anche all’uomo contemporaneo.
Si tratta, in altre parole, di superare la distanza tra il tempo dei primi destinatari dei testi biblici e la nostra epoca contemporanea, e di compiere tutti gli sforzi necessari per poterne comprendere il suo significato nel contesto linguistico, letterario, socio-culturale, religioso e storico. Pertanto la Bibbia non si può iniziare a leggere come un libro qualunque,è necessario avere un indirizzo. Solo a queste condizioni la lettura della Bibbia può costituire per gli uomini del nostro tempo un’esperienza di confronto e un motivo d’incontro con parole antiche cariche di una forza spirituale mai superata.

 



Notizia letta: 1523 volte
 
Commenta la notizia
 
 0 commenti