Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1182
VITTORIA - 12/05/2010
Sport - Calcio Eccellenza: la rabbia per aver fallito gli obiettivi non è ancora passata

Calcio: Nicola Dolce il nuovo allenatore del Vittoria?

Possibile anche l’ipotesi che venga ceduto il titolo a qualche altro imprenditore vittoriese. Il presidente Angelo Licitra si è preso una pausa di riflessione Foto Corrierediragusa.it

Tutto da rifare a Vittoria. Dopo l’eliminazione subita in casa ai playoff, in casa biancorossa regnano ancora amarezza e delusione. Amarezza per aver gettato via un anno di sacrifici economici e delusione per essere usciti dai giochi al cospetto di un avversario, il Camaro, nettamente inferiore. Di certezze ne rimangono poche, perché il presidente Angelo Licitra ha dichiarato di volersi prendere un lungo periodo di pausa per tutto il mese di maggio.

Successivamente spazio alle prime mosse; la prima sarà quella di riconfermare o meno Claudio La Mattina, la seconda quella di scegliere il nuovo allenatore dopo l’immediato esonero di Loreno Cassia. Si fanno già i primi nomi, ed in particolare quello che porterebbe a Nicola Dolce, che già in passato ha rivestito la carica di tecnico dei biancorossi in serie D. Ma l’approccio non fu eclatante, tant’è che venne esonerato a 5 giornate dal fine del campionato.

A parte l’ultima ipotesi, non è da escludere che Licitra e Floridoro decidano di mettersi da parte e cedere il titolo gratuitamente a qualche altro imprenditore. Fermo restando che il titolo resti a Vittoria. E a confermarlo è lo stesso direttore sportivo Massimo Parisi: "In questi giorni ho letto e sentito di tutto, dalle dimissioni, presunte o meno di La Mattina ai nomi dei nuovi possibili allenatori; Non capisco a quali dimissioni ci si possa riferire dato che a fine stagione ad ognuno di noi, dal magazziniere al direttore sportivo, scade il proprio mandato.

Non siamo certo tra i professionisti. Tutto dipenderà dal presidente; quando, come e soprattutto con chi ripartire. Non nego – aggiunge – l’interesse di qualche altra società nei miei riguardi, ma se Licitra deciderà di rifare calcio a Vittoria potrà contare anche su di me".