Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 662
VITTORIA - 24/10/2007
Sport - Vittoria - La querelle campo sportivo e allenamenti in piazza Cavour

Botta e risposta
tra Clemenza e Di Pietro

"Il responsabile della Nuova Scoglitti riduca la retta mensile" Foto Corrierediragusa.it

Alessio Clemenza, presidente dello Scoglitti Soccer, risponde a Giovanni Di Pietro, presidente della Nuova Scoglitti. La querelle è scoppiata per la vicenda del campo sportivo e per gli allenamenti in piazza Cavour.

"In merito alle recenti dichiarazioni stampa riguardante la Scoglitti Soccer- dice Alessio Clemenza- devo fare alcune precisazioni. Se è vero, e siamo assolutamente d’accordo, che lo sport è soprattutto passione e impegno sociale, allora ci aspettiamo che il responsabile della Nuova Scoglitti, riduca al più presto la retta mensile richiesta ai suoi allievi. Cosa possibile dopo che abbiamo provveduto a ridurre da 7, 50 euro a 1,75 euro il costo di un’ora per l’utilizzo del campo di calcio, pur considerando che in questa cifra sono considerate tutte le spese di ordinaria manutenzione dalla pulizia del rettangolo di gioco a quella degli spogliatoi sino al pagamento del custode".

Secondo i calcoli del presidente Clemenza, alla Nuova Scoglitti resta a carico solo 1/4 dell’onere, considerando che i 3/4 sono a totale carico dello Scoglitti soccer. "Come società di gestione-continua Clemenza- siamo anche disposti a rinunciare del tutto anche a quel minimo contributo se il suddetto responsabile invece di portare avanti polemiche pretestuose con il sostegno di esponenti politici, dimostrerà di credere nella pratica sportiva consentendo a tutti i bambini di Scoglitti di frequentare le sue lezioni gratuitamente! La verità sull’utilizzo del campo è comunque un’altra. Il responsabile ha utilizzato in modo improprio il campo di calcio chiedendo copia delle chiavi al custode che ingenuamente le concedeva e solo dopo essere stato scoperto ha inscenato la protesta portando i suoi allievi a giocare in Piazza Cavour".