Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 898
VITTORIA - 19/02/2009
Sport - Calcio a 5: grave denuncia contro gli arbitri

Persecuzione arbitrale, il Pro Vittoria si ritira dal torneo

La squadra ha subito in 20 incontri 8 espulsioni, più di 40 ammonizioni e più di 45 giornate di squalifica

Il Pro Vittoria calcio a 5 ritira la propria squadra dal campionato di serie C. Per protesta contro la classe arbitrale. Le continue «persecuzioni» arbitrali. È mai possibile? Ebbene sì, perché la società di calcio a 5 dei fratelli Cristiano e Fabio De Blasi e del segretario Stefano Iemolo ha subito, pensate, in 20 incontri la bellezza di ben 8 espulsioni, più di 40 ammonizioni e più di 45 (sic!) giornate di squalifica senza che si sia mai verificato alcun episodio di violenza né dentro né fuori dal campo. Numeri da capo giro, ma soprattutto preoccupanti.

Cosa pensare? «La realtà che si vuol far credere non è assolutamente vera- dice Emiliano De Blasi, e tutti ne sono consapevoli, perché 45 giornate di squalifica sono davvero assurde. Mai visti arbitri così provocatori- sostiene ancora De Blasi- indisponenti, vendicativi e prevenuti come quelli presentatisi al cospetto della nostra squadra. Arbitri che ad ogni minimo pretesto hanno infierito su una squadra che forse ha infastidito qualche santo concorrente.

Non possiamo più credere che questi atteggiamenti siano frutto del caso. I nostri giocatori sono stati continuamente intimiditi dai direttori di gara, sanzionati, spesso senza alcun motivo. Crediamo ci sia un progetto per penalizzarci e questo non è sport, non è più quello per cui avevamo fondato la nostra società, non ci divertiamo. Ci arrendiamo, o meglio ci tiriamo semplicemente fuori da un mondo in cui non ci riconosciamo e che ci procura solo sdegno e tristezza e a cui non vogliamo conformarci».