Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:46 - Lettori online 1287
VITTORIA - 01/03/2017
Sport - Calcio, Promozione: il recupero della gara non giocata il 5 febbraio per infortunio dell’arbitro

Goleada S. Croce al Vittoria. Biancorossi cedono di schianto

Ospiti dominatori sin dalle prime battute, segnano 3 gol nel primo tempo e chiudono con doppietta Scudera Foto Corrierediragusa.it

Vittoria-S. Croce: 1-5
Marcatori: 13’t Faye, 21’pt Silva, 43’pt Iozzia, 49’pt Pellegrin, 27’st e 29’st Scudera

Vittoria: Riggio, Giurdanella, Di Pasquale (39’st Occhipinti) Cassarino, Rotondo, Palacino (29’st Patti) Cosentino, La Vigna, Pellegrin, Leone, Pa Sang (9’st Bruno). All: Guzzardi

S. Croce: Campo, Jatta, Guarino, Gurrieri (13’st Giarrizzo) Pianese, Alma, Faye (27’st Hydone) Iozzia, Silva, Scudera, Ferrante (30’st Talarico)

Arbitro: De Caro di Agrigento


Perde malamente in casa il Vittoria di Michele Guzzardi. In occasione del recupero con il Santa Croce (la gara fu sospesa lo scorso 5 febbraio a causa di un infortunio arbitrale) i biancorossi subiscono una clamorosa goleada cominciata nel primo tempo – parziale di 1-3 – e completata nella ripresa dopo la doppietta di Scudera. Di Pellegrin la rete della bandiera vittoriese realizzata nel finale di primo tempo. Dopo gli ultimi due successi di fila in campionato (Belvedere e Mascalucia) per il Vittoria arriva dunque una nuova battuta d’arresto in casa.

Ma ciò che ha sorpreso (Il Santa Croce ha meritato ampiamente di vincere la partita) è stato l’atteggiamento in campo dei padroni di casa, rimasti letteralmente fuori dal rettangolo di gioco ancor prima del fischio d’inizio. Un derby giocato senza orgoglio e con un nervosismo ingiustificato, tale da far passare in secondo piano persino le numerose e pesanti assenze di Citronella, Gurrieri e Iapichino.

Falli a ripetizione, molti oltre il limite dell’agonismo e dettati spesso da un forte senso di frustrazione. Il vero carattere l’ha mostrato invece il Santa Croce, indubbiamente più quotato (al Vittoria mancavano 5 titolari) e capace di rimanere unito in qualsiasi momento della partita senza perdere la propria serenità di gioco.

Per il Vittoria una domenica nera e da rimediare al più presto. C’è ancora un campionato da portare a termine e onorare fino alla fine della stagione. Intanto grazie alla cinquina nel derby (Faye, Silva e Iozzia la chiudono già nel primo tempo, mentre Scudera sigilla il risultato nella ripresa dopo l’unico gol biancorosso di Pellegrin) il Santa Croce dell’ex Lucenti continua a giocarsi le sue chance di qualificazione ai playoff non del tutto compromesse.