Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 739
VITTORIA - 01/10/2016
Sport - Calcio: al chiostro di S. Maria del Gesù presenti i massimi vertici della federazione

Presidente La Mattina presenta programma alle società iblee

E’ stato l’esordio ufficiale del neo responsabile della Delegazione provinciale della Figc Foto Corrierediragusa.it

Si è tenuta nel chiostro di S. Maria del Gesù la prima assemblea annuale delle società calcistiche iblee. E’ stata la presentazione ufficiale della delegazione provinciale della Figc, presieduta da Claudio La Mattina, che si è insediato ufficialmente all’inizio di settembre. Il presidente La Mattina ha fatto gli onori di casa presentando innanzitutto le due maggiori cariche della federazione presenti; il vicepresidente della Lega Nazionale Dilettanti Sandro Morgana e il presidente del Comitato Sicilia, Santino Lo Presti.

Dopo il saluto del sindaco, Giovanni Moscato, il presidente La Mattina ha introdotto i lavori partendo dalla presentazione dei suoi collaboratori ed illustrando il programma che intende portare avanti che si basa innanzitutto sull’allargamento della pratica sportiva a livello di giovani e giovanissimi, una più stretta collaborazione con l’associazione arbitri, rappresentata da Andrea Battaglia, con l’innalzamento della qualità dei tecnici operanti sul territorio. Presenti una buona metà delle società calcistiche che costituiscono con la loro attività a tuti i livelli la linfa vitale del comitato. La Mattina ha dato massima disponibilità di collaborazione e vicinanza per aiutare la crescita del movimento nel territorio ibleo. Principi condivisi e sostenuti sia dal presidente Lo Presti sia dal vicepresidente della Lnd Morgana che hanno salutato con grande interesse la volontà di allargare la base dei praticanti agli immigrati con un progetto di inclusione attraverso lo sport.