Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 928
VITTORIA - 02/07/2016
Sport - Calcio: la società conferma Michele Guzzardi in panchina, in arrivo Leone e Citronella

Vittoria boccia progetto squadra comprensoriale

L’intero settore giovanile è stato affidato a Luigi Ferro Foto Corrierediragusa.it

Nella settimana del neo-apparentamento tra Ragusa e Modica il Vittoria di Alessio Clemenza continua ad andare avanti per la propria strada nella piena convinzione e consapevolezza di ricostituire una squadra all’altezza della categoria e del blasone cittadino. Di squadra comprensoriale, dunque, in città non se ne parla nemmeno, anche perché se di nuova «squadra iblea» si dovesse discutere, all’appello mancherebbero realtà centrali come ad esempio Comiso o lo stesso Vittoria calcio. Breve e sintetico in merito è stato anche il commento del direttore sportivo biancorosso Salvo Iapichino: "La fusione tra Ragusa e Modica porta alla luce un’operazione che ci può stare tra due presidenti di società diverse che decidono di mettersi insieme e unire le forze. Ma l’idea di una nuova società comprensoriale iblea dovrebbe avere delle basi più ampie e con altre società al proprio interno. E non credo che al momento ci siano le condizioni adatte se consideriamo che fino all’anno scorso c’erano 3 società di calcio ragusane in Promozione e 3 di Scicli in Prima Categoria. Persino a Vittoria diverse stagioni fa c’erano 3 squadre in PrimaCategoria e una in Eccellenza. Insomma la strada è lunga e per adesso si tratta di un’ipotesi non percorribile a Vittoria".

Insomma se parlare di «campanilismo» tra città rivali appare ancora oggi anacronistico e fuori luogo (la crisi economica, la difficoltà di finanziamenti pubblici e l’insufficienza di sponsor privati hanno portato letteralmente all’osso il calcio ibleo) appare allo stesso modo tutta in salita quella strada che porterebbe le città più blasonate della provincia a creare un’unica società sportiva. E questo senza tenere conto del fenomeno "tifoseria". Sono realmente maturi i tempi in cui immaginare tifosi vittoriesi, ragusani, comisani e modicani tutti insieme ad abbracciarsi, saltare e cantare in coro sotto la stessa curva? Ci augureremmo certamente di sì, anche se le ordinanze e i divieti alle trasferte per motivi di sicurezza pubblica (!) da parte della Questura negli ultimi derby rappresentano memoria fresca e che ci riporta drasticamente alla difficile realtà. Intanto, come detto, c’è un nuovo Vittoria che s’appresta a calcare per l’anno prossimo i campi di Promozione (sarà fatto ripescaggio). Dopo la sconfitta in finale playoff contro il Serradifalco, Iapichino e soci gettano le basi per il nuovo organico. Riconfermato in gran parte il gruppo dello scorso anno, con Michele Guzzardi in panchina, la dirigenza biancorossa si appresta a ufficializzare i prossimi ingaggi.

Il primo della lista riguarda il nome dell’esterno d’attacco Francesco Leone, mentre sul taccuino dei dirigenti rimangono da definire soltanto i dettagli per gli annunci di Fabio Citronella, Leandro Di Rosa, Luigi Iapichino, Giuseppe Alabiso e Mirko Gurrieri (ex Comiso). Tentativi per portare in biancorosso anche il portiere vittoriese classe ’98 Michele Sisino (Marina di Ragusa) e l’altro ex Giacomo Patti. L’intero settore giovanile, nel frattempo, è stato affidato a Luigi Ferro.