Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 761
VITTORIA - 03/03/2015
Sport - Patto per Vittoria torna a sollecitare un anno dopo il recupero delle strutture

Impianti sportivi Raffa e Gurrieri in mano ai vandali

Dieli: «Vanno recuperati anche se la proprietà è del Demanio» Foto Corrierediragusa.it

Nessuna buona nuova a Vittoria per gli impianti sportivi «Ciccio Raffa» e «R. Gurrieri» che sono ancora fermi e lasciati in totale abbandono. Nello Dieli (foto), di Patto per Vittoria lo aveva segnalato il 6 maggio scorso, ad oggi non è successo niente. «Da quasi un anno- scrive Dieli- l’Amministrazione comunale si è dotata di un regolamento per la gestione degli impianti a società sportive. Già, da allora, sollevammo la questione del degrado esistente all’interno dell’impianto sportivo Gurrieri, del pericolo dell’incolumità pubblica e della necessità di affidarlo in gestione. L’impianto, un tempo ben funzionante, è stato un punto di riferimento certo per numerosi giovani del quartiere (a rischio) e non solo, tanto che, spesso, è stato teatro di numerosissime iniziative anche di buon livello. Al momento, vedere l’impianto abbandonato a sé stesso, è un vero delitto. La Società Sporting Club, società aggiudicataria provvisoriamente della struttura, avendo partecipato al bando nel novembre 2013, l’anno scorso, non fu messa nelle condizioni di poter operare perché la struttura, prima di affidarla in gestione, doveva seguire una interlocuzione con il Demanio militare. Si trattava di complicazioni burocratiche che andavano risolte con immediatezza visto che non erano per nulla specificate nel bando e, quindi, prevedibili. A che punto sono le procedure?»

Per Dieli la struttura va «va immediatamente messa in sicurezza anche se la proprietà è del Demanio! Il pericolo costante d’incolumità pubblica deve necessariamente essere eliminato. Non è possibile pensare di lasciare una struttura pubblica, in una zona densamente abitata, in questo stato di degrado e di pericolo».