Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 710
VITTORIA - 14/01/2015
Sport - Calcio, Eccellenza: inatteso provvedimento del presidente biancorosso nei confronti del tecnico

Vittoria in pieno caos. Barravecchia licenzia in tronco Campanella

Il presidente addebita superficialità e scarsa professionalità all’allenatore che risponde a muso duro Foto Corrierediragusa.it

Salvatore Barravecchia (nella foto: a dx con Campanella) ha esonerato nel pomeriggio di martedì l’allenatore Giovanni Campanella. Insieme al tecnico, anche gli ultimi giocatori rimasti in organico, vale a dire Citronella, Nobile, Di Carlo, Di Rosa, Bevilacqua, Iapichino, Giudice, Patti, Carnazza, Emanuello, Commendatore hanno deciso di andare via. Il duro faccia a faccia tra presidente e allenatore dopo l’ennesima incomprensione stagionale si è rivelato questa volta fatale.

Ambiente biancorosso che rimane poco tranquillo, perché al di là della perdita di un tecnico capace negli ultimi 3 anni di riscattarsi salvando più volte squadra e società, potrebbe adesso piombare addosso l’ennesima vertenza nei confronti del Vittoria calcio a fine anno. Ma cosa è stato in realtà a far scattare l’esonero di Giovanni Campanella?

«Perché ho licenziato il tecnico? L’atteggiamento – dichiara Barravecchia – mostrato da Campanella nei confronti di squadra e dirigenza negli ultimi 15 giorni non mi è piaciuto. Solo qualche allenamento e tanta superficialità. A dire il vero volevo mandare a casa 4 giocatori, ma l’allenatore si è opposto portandomi dunque al suo esonero. A sorprendermi anche la reazione di alcuni atleti vittoriesi, i quali – continua il presidente del Vittoria - hanno dimostrato il loro attaccamento alla maglia decidendo di lasciare la squadra. Sono rammaricato, ma non mi arrendo. Ho già trovato 12 nuovi giocatori e domenica scenderemo regolarmente in campo».

Squadra affidata ora al tecnico della juniores Alessandro Russo, ma non è da escludere il tesseramento di un nuovo allenatore entro la fine della settimana.
Puntuale intanto giunge la replica di Giovanni Campanella: «Ho preferito pagare personalmente pur di non vendere la testa dei miei ragazzi, ai quali va soltanto detto grazie per come si sono comportati in questi mesi. Barravecchia, oltre a propormi dei giocatori inadeguati per la categoria, voleva adesso mandarne via altri 4. Impensabile dopo tutto quello che abbiamo passato e vissuto senza stipendi in questi mesi per mano sua. Mai in 48 anni di carriera avevo visto una gestione così assurda e falsa. Quando parla di atteggiamento discutibile dimostra tutta la propria ipocrisia. Voglio precisare – aggiunge - che non ho imposto a nessuno la decisione di andar via da Vittoria, perché provo troppo rispetto per la piazza biancorossa e certi atteggiamenti non mi appartengono. Citronella, Nobile, Di Carlo, Di Rosa, Bevilacqua, Iapichino, Giudice, Patti, Carnazza, Emanuello, Commendatore hanno scelto spontaneamente di andare via insieme al sottoscritto. Un’azione che vale più di mille altre giustificazioni».


il calcio a vittoria
14/01/2015 | 8.13.51
franco

questo è il calcio nella città dell oscar del calcio siciliano......