Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 615
VITTORIA - 25/12/2014
Sport - Arti marziali: al PalaLivatino di Catania si impone la Titania Judo

Judoka vittoriesi brillano al Gran Prix Sicilia

La società premiata per meriti sportivi tra le prime 5 del settore, i suoi giovani hanno conquistato ben 4 primi posti Foto Corrierediragusa.it

L’anno sportivo targato "Judo Fijlkam" si è concluso al PalaLivatino di Catania con la finale del Gran Prix Sicilia 2014 e con la premiazione delle giovani promesse del Judo 2014 del «Criterium Giovanissimi». Presenti tutti i vertici della Federazione regionale: Salvatore Pirrotta, presidente Fijlkam Sicilia, Corrado Bongiorno presidente del Settore Judo, Giovanni Strazzeri consigliere nazionale Fijlkam, e Gaetano Spata commissario tecnico regionale. A questa prestigiosa finale hanno preso parte numerosi judoka vittoriesi della A.S.D Titania Judo (società premiata per meriti sportivi tra le prime 5 del settore) i quali hanno conquistato ben 4 primi posti: Manuela Sanzone (cadette +70 kg) Mariano Contino (Esordienti «A» 60 kg) Marta Maiorana (Esordienti «A» 48 kg) Nicoletta Iaquinoto (Esordienti «B» 48 kg) ed un secondo posto per Ginevra Spadaro (esordienti «A» 44 kg).

Per quanto riguarda invece la categoria Giovanissimi, premiati dopo una sorta di torneo in tre tappe (Catania, Modica e Palermo) tanti judoka vittoriesi guidati come sempre dall’ottimo lavoro di Gaetano Spata. In particolare ben 7 medaglie d’oro, 2 medaglie d’argento e 5 di bronzo. Oro e titolo di giovane promessa del judo siciliano dunque per Elisea Alfè, Simone Garretto, Giuseppe Reccavallo, Riccardo Incatasciato, Giovanni Lo Magno, Simone Gugliotta, Salvatore Reccavallo, Davide Macca e Sinai Giaquinta. Bronzo per Luca Sallemi Matteo Iemolo, Simone Giombarresi, Francesco Alfè e Giovanni Di Stefano.