Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 935
VITTORIA - 08/12/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: il successo nel derby ha fatto bene ed è frutto della reazione dei giocatori

Il Vittoria pronto a rinforzarsi: Campanella vuol puntare alto

La squadra osserva il turno di riposo la prossima domenica per il ritiro del Misterbianco Foto Corrierediragusa.it

Grande reazione. Il Vittoria dei fedelissimi ritrova la sua strada travolgendo di gol il Modica e rilanciandosi in una classifica stabile che lo vede adesso al secondo posto. E in attesa del riposo previsto per la prossima settimana (undici di Campanella bloccato a causa del ritiro del Misterbianco) la classifica recita 25 punti appena due in meno rispetto alla coppia capolista Scordia e Siracusa (ma entrambe avranno due impegni difficili il prossimo turno con San Pio X e Igea Virtus).

La gioia di un derby vinto con 5 gol di scarto non allontana comunque piccole preoccupazioni: Se la squadra rimane in corsa play-off ? "Dipenderà dagli arrivi". Massimo Nobile non crea equivoci: "Attenzione a non esaltarsi troppo dopo una vittoria del genere – chiarisce il capitano del Vittoria – è andata via gente importante e la squadra adesso deve fare cerchio intorno al materiale umano e tecnico di cui dispone. Sicuramente il successo schiacciante contro il Modica rappresenta un buon inizio ma credo che per i playoff qualche altro rinforzo sia necessario. Teniamo conto di possibili infortuni o squalifiche. La rosa va incrementata solo per questo".

Poi la domanda d´obbligo: "che idea mi sono fatto in merito alle partenze? Non giudico le scelte – afferma il giocatore – sicuramente sono state le modalità a lasciarmi perplesso. Dato il problema economico, sarebbe stato più opportuno parlarne tutti insieme prima di arrivare a decisioni così drastiche. Per quanto riguarda l’aspetto dei pagamenti, vedo dei sacrifici da parte della società, considerando, tra l’altro, i tempi difficili. Ciò che conta di più adesso è riacquistare fiducia e rimanere con i piedi per terra".

E a proposito di mercato il Vittoria potrà sfruttare al meglio il tempo dettato dal prossimo turno di riposo. È stato già detto nei giorni scorsi: la priorità rimane quella di riuscire a trattenere i due punti fermi del centrocampo Gaetano Di Mauro e Salvo Fichera. Per quest´ultimo specialmente preme il Siracusa di Anastasi (ma c´è da chiedersi in quale ruolo andrebbe a giocare il forte laterale etneo in una squadra già completa in ogni reparto. Al di là della piazza allettante, è probabile che a Siracusa Fichera cominci dalla panchina). Poi toccherà al portiere. Se con Di Carlo sembra ormai impossibile continuare (il giocatore appare continuamente distratto dalle solite cronache di gossip) meglio decidere una volta per tutte di cambiare direzione. Infine si cercano due juniores (Campanella pare li abbia già individuati) e due attaccanti. Orme che porterebbero a Calabrese o Job. "Il turno di riposo – commenta Giovanni Campanella (nella foto) – ci farà bene. Avremo tempo e modo di ricercare i giocatori che più ci interessano. Iniziamo il lavoro".

E´ successo domenica:
Vittoria-Modica 6-1
Marcatori: 10’ Iapichino, 31’ Bevilacqua, 1’, 38’ s.t. su rigore Fichera, 20’ Di Rosa, 22’ Okolie, 25’ Manuello

Vittoria: Scalogna 6,5, Patti 6, Giudice 6, Manuello 7, Nobile 6,5, Citronella 6, Fichera 8, Bevilacqua 7 (40’ s.t. Guglielmino s.v.), Di Rosa 7 (40’ s.t. Carnazza s.v.), Di Mauro 7, Iapichino 6,5. All. Campanella

Modica: Cantone 5, Nassi 5, Iabichella 5, Nourkry 5 (27’ Sigona 5), Pianese 5, Lao 5, Sabellini 5, Gatto 5, Ravalli 5, Filicetti 5, Okolie 6. All. Schiavo-Filicetti

Arbitro: Galluccio di Caserta

Note: giornata nuvolosa, spettatori 300 circa, un centinaio ospiti. Ammoniti Patti e Di Rosa.


Deflagrante tonfo del Modica per mano del Vittoria. Non per nulla abbattuti dalle ultime vicende burrascose di mercato (nel Vittoria di oggi mancavano Rametta, Cocimano, Gallipoli, Russo, Privitera e Di Carlo) i biancorossi di Giovanni Campanella sfoderano la migliore prestazione possibile battendo 6-1 un malcapitato Modica e rigettando con forza le ipotesi di crisi societaria. Una reazione prepotente che squadra e tecnico hanno saputo interpretare nel migliore dei modi. Il messaggio a questo punto rimane chiaro: il Vittoria va avanti a prescindere dalle lacune tecniche (ma ci si rafforzerà a partire dai prossimi giorni) archiviando una volta per tutte la delusione procurata da coloro che inavvertitamente hanno deciso di abbandonare il progetto stagionale.

Ma l’aspetto più bello del 6-1 al Modica (altra società vittima nei giorni scorsi d’improvvise migrazioni) è stato il rientro in campo dal primo minuto di giovani e di locali vittoriesi chiamati di corsa dalla panchina al campo. Iapichino (oggi uno dei migliori) Di Rosa, Giudice, Scalogna (portiere classe ’98) Patti ed Emanuello (tesserato in extremis dal Comiso) hanno quasi sbalordito per voglia, determinazione e carattere. Orgoglio che è mancato invece sul versante opposto. La squadra di Schiavo e Filicetti ha deluso e su questo, onestamente, c’è poco da dire. Gli addii di Sella, Limone, Cassibba, Porto, Andrea e Damiano Buscema non possono bastare come unica attenuante. Mai un tiro in porta, mai un’occasione creata durante tutti i 90’. Squadra scialba e abulica. Più che l’aspetto tecnico preoccupa quello mentale. I rossoblù (come confermerà a fine gara anche il tecnico Schiavo) sono apparsi letteralmente abbandonati a se stessi. «Oggi siamo rimasti a Modica – ha detto proprio l’allenatore – con lo Scordia abbiamo perso 4-0 giocando comunque la partita. A Vittoria non siamo mai scesi in campo>. Serve di corsa una sterzata di carattere al fine di evitare altri simili scivoloni, di certo non adatti alla piazza modicana.

CRONACA
I padroni di casa impiegano poco prima di trovare la rete del vantaggio. Esattamente al 10 minuto è Iapichino a segnare l´1-0 favorito dall´evidente deviazione di un difensore (nella foto di Attilio Zarino la gioia biancorossa dopo il primo gol). Di Rosa e Fichera giganteggiano sulle fasce, e prima della mezz´ora è ancora Iapichino a trovare il giusto varco tra la difesa del Modica e la posizione ottimale di Bevilacqua. Sul diagonale di quest´ultimo nulla può Cantone. Di Mauro sfiora soltanto la terza marcatura prima che l´arbitro mandi tutti a riposo. Identiche dinamiche nella ripresa. Ficherà trova già al primo minuti il rigore per il 3-0 e dieci minuti più tardi Di Rosa da fuori area batte ancora Cantone. Partita chiusa. Ci prova a riaprirla Okoliè (davvero un bel gol quello dell´attaccante modicano che si libera in area e scaraventa un bolide sotto la traversa) ma è troppo tardi tant´è che a timbrare la porta rossoblù saranno ancora Manuello e Fichera.

I risultati della 14ma giornata di andata (7 dic. 2014):
Castelbuonese-Paternò: 2-1
Città Messina-Scordia:1-2
Siracusa-Rosolini:3-1
Giarre-Milazzo:1-2
Igea Virtus-S. Pio X :0-0
Viagrande-Acireale:1-0
Vittoria-Modica: 6-1
Riposa: Taormina.

La classifica:
Siracusa 27*
Scordia 27
Vittoria 25
Milazzo 25
Castelbuonese 22
Viagrande 21
S. Pio X 19
Igea Virtus 19
Acireale 18
Modica 17
Giarre 12
Paternò 11
Rosolini 9
Città Messina 8
Taormina 7*
Misterbianco 0 (ritirato)
*un punto in meno per penalizzazione