Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 665
VITTORIA - 07/12/2014
Sport - Calcio Eccellenza: squadra da inventare per il derby col Modica

Gli ammutinati del Vittoria. Per Barravecchia e Campanella è tradimento

Il presidente furibondo con Russo, Rametta e Cocimano: «Hanno incassato i rimborsi di settembre e ottobre e sono andati verso la migliore offerta». Campanella si sente tradito dai suoi: «Andiamo avanti, possiamo stare nell’alta classifica»
Foto CorrierediRagusa.it

Chi si sente più tradito dai giocatori che sono andati via è proprio lui Giovanni Campanella. Un «tradimento» di simili proporzioni, l’allenatore del Vittoria, non se lo sarebbe mai aspettato. Dopotutto parliamo di gente che il tecnico etneo conosce da anni fin dai tempi delle giovanili a Catania. Eppure Cocimano, Rametta e Russo – passati tutti in blocco allo Scordia, società guidata dal ragusano di Acate Rosario Gallo – hanno preferito cambiare aria nonostante (e qui rientrano le novità rilasciate dal presidente Salvatore Barravecchia) le mensilità di settembre e ottobre regolarmente percepite.

"Siamo rimasti increduli – dichiara Barravecchia (foto)– per la decisione dei giocatori. Insieme alla società avevo saldato proprio a Rametta, Cocimano e Russo i rimborsi del mese di settembre e ottobre. E dopo gli assegni firmati lo scorso martedì, all’improvviso tutti hanno deciso di andare a giocare a Scordia. Anche se con i soliti sacrifici, quest’anno stavamo facendo di tutto per pagare secondo gli accordi stabiliti con le giuste scadenze, purtroppo questa gente oggi ci pugnala alle spalle, sia al sottoscritto che al tecnico Campanella. In estate, non avendo particolari richieste, questi giocatori hanno fatto di tutto per venire alla corte di Campanella e giocare con il Vittoria. E dopo averli riportati a certi livelli di condizione non ci hanno pensato due volte a darci il benservito. Con Strano e Privitera avevo già parlato in precedenza, ed eravamo tutti consapevoli della loro rescissione, ma tutti gli altri ci hanno colto di sorpresa. Ma non ci scoraggiamo – continua Barravecchia - lavoriamo per far rientrare qualche giocatore e ricostruire la squadra. Ci sono i punti necessari per rimanere tra le prime quattro della classifica".

E tra i possibili rientri per il derby di Modica potrebbero tornare Gaetano Di Mauro e Salvo Fichera. Quest’ultimo continuamente tentato dalle offerte del Siracusa che, dopo aver preso Strano e Gallipoli, sta facendo di tutto per portarsi via anche l’esterno di Campanella. Ma la questione rimane sempre la stessa. Quale migliore offerta avranno mai ricevuto gli ex tesserati del Vittoria?

"Che dire – esclama Giovanni Campanella – sono rimasto anch’io senza parole. Enorme è il senso di delusione provato. Auguro soltanto ai miei ex calciatori di ricevere quelle somme in più che gli hanno promesso altrove. Abbiamo commesso l’errore di fidarci troppo e oggi ci troviamo in una simile situazione. Tra l’altro non vi racconto la corsa fatta per tesserare in extremis almeno un altro portiere, dato che Di Carlo ha preferito rimanere a Roma (il corteggiatore di Maria De Filippi avrebbe chiesto per intero lo stipendio del mese in cambio del suo rientro odierno. La società ha risposto garantendogli degli acconti. Niente da fare). Per fortuna Di Mauro e Fichera – fa sapere l’allenatore del Vittoria - saranno dei nostri oggi pomeriggio. Cercheremo di convincerli a rimanere fino alla fine del campionato. Con loro due in squadra e qualche altro elemento che arriverà (tesserato già Nasello centrocampista classe ’97 proveniente dal Comiso) gli obiettivi rimangono alla portata. Intanto pensiamo a dare il meglio oggi. Ci aspetta pur sempre un derby".

Con il Modica difesa centrale presente: Citronella e Nobile sono rimasti fedeli ai biancorossi, mentre sulle fasce via libera a Di Rosa e Fichera. Ma è in attacco che ci sarà da inventarsi qualcosa.