Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 765
VITTORIA - 05/12/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: contro il Modica Campanella dovrà mettere insieme 11 giocatori

Vittoria smantellato, vanno via in 9: la promozione resta un sogno

Dal Modica potrebbero arrivare Buscema, Sammito e Limone. Strano è andato al Siracusa Foto Corrierediragusa.it

Troppo bello per essere vero. Il Vittoria primo in testa alla classifica e senza particolari problemi societari-di carattere economico (per lo meno in apparenza) quasi straniva in tutti i sensi. Infatti eccoci smentiti solo qualche istante dopo la riapertura delle liste.

Faremo prima a contare la lista dei sopravvissuti, perché già da ieri non fanno più parte della squadra Rametta, Cocimano, Privitera, Russo, Strano, Gallipoli, Maimone, Campo, Ferraro. E fra qualche ora se ne andranno quasi sicuramente anche Fichera, Di Carlo e Di Mauro. Per i primi quattro dell´elenco destinazione Scordia (che a questo punto dovrebbe avere il campionato in pugno) mentre per Strano è arrivata l’occasione Siracusa dopo l’addio di Panatteri (vicinissimo al Marsala). Siracusa anche per il terzino Gallipoli, mentre Maimone è andato all’Acireale seguito da Campo al Comiso (Promozione) e Ferraro al Serradifalco.

Senza parole! Finiscono qui le ambizioni di una squadra, quella biancorossa, timoniera (e con grosso merito) fino a 5 giorni fa del girone B Eccellenza. Alla base delle trattative sciolte i soliti ritardi nel pagamento dei rimborsi spesa, e se ci facciamo caso il primo campanello d’allarme lo aveva lanciato proprio il tecnico Giovanni Campanella (nella foto) qualche settimana addietro («la società sta cercando di chiudere il mensile di settembre»). Troppo poco e troppo lenti per mantenere in salute un organico di simile quantitàqualità.

Cosa farà adesso Giovanni Campanella? Il suo sogno di vincere un campionato con il Vittoria sembra svanire per l’ennesima volta. Anche immaginando (per miracolo) una sostituzione in blocco dei partenti ci sarebbe da fare i conti con delle tempistiche di assemblaggio alquanto vertiginose. Ricostruire una squadra a dicembre a cosa può portare? Fattispecie che ci riporta indietro negli anni, non ultimo lo smantellamento della scorsa stagione. Che senso ha costruire ogni volta un organico per vincere quando poi, puntualmente, non lo so si può mantenere nemmeno per due mesi di fila.

RICORSO RIGETTATO
E come se non bastasse ecco arrivare pure la delibera del Giudice Sportivo sul ricorso presentato dal Vittoria (ma anche dalla Castelbuonese) per la sospetta posizione irregolare di Ignazio Panatteri schierato in campo durante la partita terminata 2-2: «Si respinge il reclamo della società Città di Vittoria addebitando alla stessa la relativa tassa». Niente 2 punti a tavolino. Insomma piove sul bagnato.

In questo incredibile capovolgimento tecnico, proviamo lo stesso ad anticipare qualche notizia di mercato in entrata. Tra i pali (data quasi per certa la rottura con Di Carlo) sondato il terreno per il portiere Gianluca Scordino (Palazzolo) mentre dal Modica, che ha rotto con Sella (Ragusa) Limone e Cassibba, dovrebbero arrivare Sammitto e Buscema. Ma rimangono aperte altre trattative dato che non esiste più un reparto d’attacco e di centrocampo. Sono rimasti Nobile, Citronella, Di Rosa, Patti, Iapichino, Scalogna e Guglielmino. Ma è sempre meglio non dirlo troppo forte. Nel frattempo il Comunale ha ufficialmente il suo nuovo nome.

Lo stadio (certo è che intitolarlo in quelle condizioni non è stata proprio il massimo) «Gianni Cosimo» inaugurerà domenica prossima il derby contro il Modica. Sarebbe stato interessante…fino a qualche giorno fa.


la solita barzelletta
05/12/2014 | 10.05.54
franco

purtroppo niente di nuovo in casa vittoria....ormai da qualche anno è puntuale lo smantellamento della squadra in concomitanza con l´oscar del calcio siciliano....le palesi contraddizioni di una città dove lo sport è ridotto ad una lenta agonia.....