Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 631
VITTORIA - 29/10/2014
Sport - Futsal: derby combattuto solo nella prima parte della gara poi le padroni di casa dilagano

Sporting Vittoria non si ferma, è goleada contro il Ragusa

Barbu convocata nella rappresentativa regionale. Bene Verdiana, Polizzi e Catalina Foto Corrierediragusa.it

Successo esterno per il Vittoria Sporting Futsal allenato da Francesco Melfi. Dopo un inizio tirato, le biancorosse sono riuscite ad avere la meglio battendo 8-2 il Ragusa. Ad un primo tempo ampiamente combattuto (da registrare oltre alla rete del Vittoria messa a segno da Maria Carmela Cicero anche i pali colpiti da Concetta Primavera) il Ragusa riesce a trovare la via del gol bloccando sull’ 1-1 la capolista per almeno trenta minuti.

Nel secondo tempo è un’altra gara e soprattutto un altro Vittoria. Al 2-1 di Primavera i padroni di casa riescono nuovamente a pareggiare, ma nulla possono in seguito alle reti delle scatenate Verdiana, Polizzi, Catalina e Barbu, quest’ultima fresca di convocazione nella rappresentativa regionale. Un successo che consolida il primato e che accentua ancor di più l’ottimo lavoro svolto dal tecnico vittoriese.

«Quella che ci lasciamo alle spalle – spiega il ds Luciano Di Vita (nella foto) – è stata una settimana particolare. Un derby è sempre un derby. Ad un primo tempo intriso di agonismo e sofferenza, merito anche del Ragusa, siamo riusciti alla fine ad uscirne bene conquistando altri tre punti che consolidano la nostra posizione di classifica. Vincere un derby – conclude Di Vita – ha sempre un sapore particolare. Come società vogliamo andare avanti e crescere, senza perderci in inutili chiacchiere dettate dall’enfasi. Il campionato è lungo e bisogna crederci fino in fondo. Tutti!»