Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 869
VITTORIA - 08/10/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: l’andata di Coppa Italia sorride agli aretusei

Il Vittoria resiste solo per un tempo al Siracusa, 2 gol di Strano non bastano

La panchina lunga degli ospiti ed alcune decisioni arbitrali decisive nella sconfitta dei biancorossi Foto Corrierediragusa.it

Vittoria-Siracusa: 2-3
Marcatori: 18´pt Strano,3´st Carbonaro, 22´st Messina, 29´st Scirè, 47´st Strano

Vittoria: Di Carlo, Gallipoli (22’st Talarico) Russo, Iapichino (9’st Maimone) Di Rosa, Privitera, Fichera, Bevilacqua (22’st La Vigna) Strano, Cocimano, Patti. A disp: Campo, La Vigna, Guglielmino, Talarico, Ferraro, Denina. All. Campanella

Siracusa: Vitale, Montella, Orlando, Zappalà (25’st Liistro) Orefice, Pettinato, D’Amico (18’st Scirè) Messina, Contino, Carbonaro, Mazzamuto (5’st Napoli). A disp: Pandolfo, Santamaria, Liistro, Petrullo, Panatteri, Scirè. All: Anastasi

Arbitro: Leotta di Acireale (ass. Pernicone e Piccolo di Catania)
Note: Espulsi Fichera e Maimone del Vittoria


Il Vittoria regge solo un tempo al Siracusa. La formazione estremamente rimaneggiata di Campanella costringe il tecnico etneo a reinventare per intero la difesa (centrali Privitera, Di Rosa e Gallipoli) con un insolito 5-3-2. E nel primo tempo i padroni di casa riescono a farsi valere prima con il rigore di Strano (1-0) poco dopo sfiorando con Fichera e ancora Strano (in rovesciata) il raddoppio. Il Siracusa, che per l’occasione tira fuori dalla panchina gente come Carbonaro e Contino (assenti Mascara e D’Agosta; fuori dall’undici titolare Panatteri) fa paura quando verticalizza ma non affonda quasi mai dalle parti di Di Carlo.

Chiusa la prima frazione meritatamente in vantaggio (i biancorossi hanno realmente dato tutto ciò che potevano) nella ripresa diventano due i fattori determinanti: la caratura tecnica del reparto offensivo ospite e gli evidenti errori arbitrali che ridurranno il Vittoria in 10 per l’espulsione di Fichera (gialli per simulazione).

Ma in realtà il direttore di gara non sembra azzeccarne una nella ripresa; il Siracusa fa subito pari con Carbonaro e poco dopo in superiorità numerica raddoppia grazie a Messina su calcio di punizione. E dato che Cocimano non è in giornata (sciupa due occosianissime per il pari) segna invece Scirè al 29’. A dare un’ulteriore speranza per la gara di ritorno è infine la doppietta di Strano che in pieno recupero sigla il 2-3.