Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 766
VITTORIA - 30/09/2014
Sport - Calcio, 1a Categoria: indisponibili l’Andolina di Scoglitti e il campo Emaia

Da Acate a Vittoria ma il Real Biscari giocherà a Comiso!

Non convince la gestione dell’impiantisca sportiva da parte dell’amministrazione comunale Foto Corrierediragusa.it

Acquisire un titolo dall’Acate per giocare le partite a Comiso! Sembra quasi un paradosso, ma in realtà è la strana nonché reale vicenda della nuova società vittoriese «Real Biscari» del presidente Alessio Clemenza e dei suoi dirigenti Dezio, Iapichino, Cirnigliaro, Leggio e D’Amico. Ad un paio di mesi circa dalla nascita del nuovo gruppo biancorosso (parliamo della seconda squadra cittadina a tutti gli effetti) sorgono già le prime incomprensioni.

In poche parole la squadra allenata da Michele Guzzardi e militante nel campionato di 1a Categoria, a causa di un motivo non del tutto ancora chiaro giocherà le sue partite ogni domenica in casa presso lo stadio Comunale di Comiso. Legittima a questo punto la domanda: perché? Considerando una serie di semplici deduzioni (una tra queste lo scenario impraticabile legato ad alcune strutture sportive cittadine: su tutti quello del campo «Nino Andolina» di Scoglitti inguardabile in termini di terreno e condizioni igienico-sanitarie) pare non si sia trovato l’accordo con il Vittoria calcio di Salvatore Barravecchia (al quale il Comune ha affidato da quest’anno la totale gestione ordinaria dell’impianto gratuitamente) in occasione della disputa della partite casalinghe.

E anche se i dettagli tecnici del mancato accordo, tra Vittoria calcio e Real Biscari, non sono del tutto noti rimane l’incredibile assurdità di un titolo calcistico trasferito a Vittoria ma costretto a giocare altrove nonostante 3 stadi a disposizione: il Comunale, l’Emaia (dove ci si può solo allenare in quanto privo di alcuna recinzione di sicurezza) e per l’appunto il «Nino Andolina» di Scoglitti. Altro punto di domanda. Siamo del tutto certi che la strada perseguita dall’Amministrazione Comunale in tema di delega impiantisca sportiva alle prime società di turno sia del tutto affidabile oltre che percorribile?

Il rischio che si vengano a creare società di serie A e di serie B come in questo specifico caso è un aspetto che a nostro parere non andrebbe minimamente sottovalutato. Nel frattempo i ragazzi allenati da Michele Guzzardi hanno già vinto la loro prima gara di girone domenica scorsa a Floridia, e per quanto riguarda gli obiettivi la società fa sapere: "L’obiettivo del Real Biscari – spiega la neo società locale che dall’anno prossimo prenderà il nome di A.S.D. Calcio Vittoria – è quello di disputare un campionato umile e allo stesso tempo importante. L’organico è composto da giocatori già noti all’ambiente vittoriese, tra cui Mignacca, D’Amico, Micieli, Di Gregorio, Cosentino, Virduzzo e altri ancora, però occorrerà aggiungere almeno altri 34 elementi in più. Stiamo lavorando al fine di implementare la rosa e perché no toglierci anche delle piccole soddisfazioni nel campionato di 1a Categoria".