Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 592
VITTORIA - 20/09/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: dopo due pareggi Campanella chiede il massimo ai suoi giocatori

Il Vittoria cerca il successo contro il Giarre. In campo Cocimano e Di Mauro?

I due esperti giocatori, non al meglio della condizioni, possono dare qualità ed esperienza alla squadra Foto Corrierediragusa.it

La voglia di tornare alla conquista dei 3 punti ha caratterizzato fin qui l´intera settimana biancorossa. Dopo due pareggi di fila, ed un rodaggio di conseguenza ben avviato (i test Acireale e Milazzo non erano gli ultimi della lista) è arrivato il momento di tornare a fare sul serio. Lo chiede Giovanni Campanella, lo chiede soprattutto una classifica che dopo 3 giornate potrebbe cominciare a delinearsi maggiormente. Un altro pari, o nella peggior(scongiurabile) ipotesi un risultato negativo lascerebbe il Vittoria a soli 2 punti lontano dalle ambizioni playoff. Ed il Giarre, prossimo avversario casalingo dei vittoriesi, diventa dunque l’esame più importante di quest’inizio stagione.

Certo, giocarselo senza alcuna assenza in gruppo sarebbe stato ancor più facile per l’undici dell’allenatore etneo, il quale, dopo il rammarico personale espresso due giorni fa per via della seconda espulsione di Rametta in sole quattro partite, ha dichiarato senza scampo la seguente condizione: «Domenica non ci resta altro che vincere». Concetto sintetico ma estremamente chiaro: lasciare altro terreno per strada dopo due partite su tre in casa non è ammesso.
Due le varianti positive a favore di Campanella; la prima riguarda il lento ma sostanziale recupero di Cocimano in allenamento: «il giocatore – ha aggiunto il tecnico – ha ricominciato a prendere confidenza col pallone, ciò che lo preoccupa è solamente la paura di rifarsi male data la seria entità dell’infortunio alla spalla. Vedremo di metterlo in campo con un tutore speciale». La seconda, invece, l’accumulo di lavoro nelle gambe di Di Mauro, il centrocampista d’esperienza chiamato da Campanella a fare la differenza lì in mezzo al campo. Finora solo panchina e qualche scampolo di minuti a Milazzo per l’ex atleta di Modica, Siracusa e Vibonese, ma domani potrebbe entrare a gara in corso durante il secondo tempo.

Dietro, infine, ristabilita la coppia centrale con Citronella e Nobile a coprire le spalle di Di Carlo in porta. Argomento juniores? Soddisfatto anche in tal senso il tecnico: Cerchiamo ancora due ’97 di buon valore tecnico, ma chi sta giocando non ha deluso per nulla. Il gruppo è coeso ed i ragazzi più giovani si sono ambientati immediatamente. Domani massimo impegno – chiosa Campanella – rispetto per il Giarre ma nessuna particolare preoccupazione".