Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 704
VITTORIA - 27/03/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: sul campo catanese sarà probabilmente l’ultima gara di campionato

Vittoria a Scordia con la salvezza in tasca. Pensare subito al futuro della società

La permanenza in Eccellenza merito del solito Campanella che ha rilevato la squadra in un momento molto difficile Foto Corrierediragusa.it

Trasferta a Scordia per la penultima di campionato.IL Vittoria chiuderà poi al "Comunale" contro il Mazzarrà ma è probabile che per i biancorossi quella di domenica sia l´ultima gara della stagione perchè i tirrenici non affronteranno la trasferta in terra iblea essendo ormai retrocessi ed in pieno disarmo. Campionato che si è concluso ancora una volta con la salvezza del Vittoria, giunta per merito di una rincorsa ben interpretata dal solito Campanella, ma che resta figlia delle «improponibili» gestioni societarie ormai da tempo abitudine della tradizione calcistica vittoriese.

Un Vittoria che ogni estate parte in quarta per spaccare il mondo e vincere il campionato ma che dopo appena una paio di mesi si ritrova a spaccarsi qualcos’altro per non retrocedere o nella peggiore delle ipotesi evitare la radiazione (fattispecie vicina proprio in questa stagione). E più che un’idea della gente questa sembra diventata ormai la vera e propria identità legata ai colori della maglia biancorossa. Insomma tra una crisi e l’altra il Vittoria salva le sue stagioni ma di contro cala ogni anno di più il numero dei suoi tifosi.

Come invertire la rotta? Attraverso l’unica condizione possibile che resta la stessa, ovvero programmazione. Fattore che negli ultimi anni è sempre mancato generando quel malessere frustrante di cui oggi la piazza vittoriese soffre maledettamente. Tant’è che di futuro, almeno per adesso, sembra difficile persino parlarne. Rimane la soddisfazione di un tecnico, Giovanni Campanella, che in questa salvezza ci ha messo gran parte della sua esperienza.