Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1213
VITTORIA - 18/03/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: salvezza acquisita grazie ai tre punti conquistati a danno dei rossoblù modicani

Il Vittoria si gode la salvezza e Campanella guarda già al futuro

Un derby che il Vittoria ha vinto in rimonta e nei minuti finali, per merito di una caparbietà in grado di non infrangersi nemmeno di fronte all’evidente sfortuna che aveva caratterizzato in precedenza molte delle occasioni costruite dai biancorossi Foto Corrierediragusa.it

Un euro, con molte probabilità anche di più, tutti l’avremmo scommesso in un bel segno x tra Vittoria e Modica date le circostanze alterne ma allo stesso tempo complementari (rossoblù con due sconfitte alle spalle e di conseguenza obbligati a non perdere, biancorossi speranzosi di chiudere il discorso salvezza anche con un solo ed ulteriore punto) ed invece con due reti, tre legni colpiti ed un gol annullato per fuorigioco (che soltanto l’arbitro ha visto) il Vittoria (nella foto: l´uscita dei giocatori dal campo) ha ampiamente dimostrato di meritare con margine il successo finale, legittimando i 3 punti grazie ad una ripresa giocata come si deve e in maniera superlativa.

D’altro canto il Modica, costretto a dover aggredire subito il derby vista la migliore posizione di classifica, è venuto meno alla distanza, accusando non solo una stanchezza fisica figlia di un percorso sorprendente e al di là di ogni più rosea aspettativa in campionato, ma anche dell’assenza di 3 elementi cardine come Limone, Pianese e Iozzia, vittime di una squalifica tutta ancora da definire e che nella sostanza rischia di compromettere parecchio il finale di stagione rossoblù. Ma oltre al Vittoria di Campanella, a vincere è stato pure lo spettacolo, con gol ed emozioni che i 22 in campo non hanno risparmiato a chi ancora (parliamo di quei numerosi ed irriducibili appassionati presenti al «Pietro Scollo») crede in un calcio capace di regalare domeniche di sport sugli spalti di uno stadio.

Ecco perché le prime e sincere dichiarazioni sono giunte direttamente dagli addetti ai lavori: "E’ stata una grande giornata di sport – ha riferito Giovanni Campanella al termine dei 90’ – onore ad entrambe le squadra per aver giocato un derby corretto e all’insegna del rispetto reciproco. Per quanto riguarda il risultato, credo sia ampiamente meritato".

Un derby che il Vittoria ha vinto in rimonta e nei minuti finali, per merito di una caparbietà in grado di non infrangersi nemmeno di fronte all’evidente sfortuna che aveva caratterizzato in precedenza molte delle occasioni costruite dai biancorossi, frenati prima del gol del 2-1 da una traversa di Crisafulli su punizione e da altri due legni centrati da un Cocimano determinante.