Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 810
VITTORIA - 07/02/2014
Sport - Calcio Eccellenza: grande sfida al Comunale con la capolista

Vittoria-Tiger, il bomber Fabio D’Agosta torna a Vittoria da avversario

Oltre al vittoriese, nella veste di ex anche Rametta e Calabrese
Foto CorrierediRagusa.it

Pronti per la capolista. Vittoria-Tiger - in programma questa domenica - non sarà una partita come tutte le altre. Chiederlo a Fabio D’Agosta (foto), che da ex capitano e bandiera dei biancorossi si vedrà costretto domani a giocare contro i suoi vecchi compagni d’avventura. «Sento già la tensione salire – racconta il nuovo centravanti del Tiger in un anticipo dell’intervista – non è stata una settimana come tutte le altre e di questo ne sono consapevole. Vittoria ed i vittoriesi fanno parte del mio cuore, meritano rispetto e da parte mia, anche in caso di gol, non mancherà».

Giovanni Campanella nel frattempo studia le mosse per frenare la capolista del campionato, tornata a più quattro in classifica sull’Acireale. Non sarà facile, perché oltre a D’Agosta ci saranno anche gli ex Calabrese e Rametta a spingere la loro squadra verso la conquista dei 3 punti. La buona notizia arriva comunque dal gruppo: per la gara di domenica dovrebbero essere tutti disponibili. In più Campanella può sperare nella ritrovata vena realizzante dell’attaccante Luca Strano, autore di una doppietta durante l’ultima trasferta di Viagrande (2-2). Anche se gara ostica, non è detto che il risultato finale di Vittoria-Tiger sia già compromesso: «Non penso proprio – conclude lo stesso D’Agosta (l’intervista completa al giocatore uscirà domenica) – conosco benissimo cosa significa giocare in casa con il Vittoria. Il campionato non è ancora chiuso ed è il motivo per il quale dovremo giocare una partita perfetta. Compreso il sottoscritto».