Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 750
VITTORIA - 09/05/2008
Sport - Vittoria -Verdetto inappellabile della Corte di giustizia federale

Respinto ricorso Casertana, Vittoria fuori pericolo

Sarà la Casertana a disputare i play out con Paternò, Castrovillari e Sant’Antonio Abate Foto Corrierediragusa.it

La Corte di giustizia federale ha respinto poche ore fa il ricorso presentato dalla Casertana che chiedeva i 3 punti a tavolino della gara persa a Modica per 4-1 nel gennaio scorso. Il giocatore Capuozzo era stato aggredito e il Modica penalizzato di 3 punti. La squadra campana voleva i 3 punti per coinvolgere nello spareggio anche il Vittoria.

«Non avevamo dubbi, non ne abbiamo mai avuti, il ricorso della Casertana era solo una bolla di sapone». Mezz´ora dopo avere appreso la reiezione del ricorso, Franco Cassarà (nella foto), direttore generale del Vittoria, risponde con noncuranza. «C´erano già dei precedenti, per questo eravamo tranquilli. Quella partita con il Modica era stata già omologata. I dirigenti della Casertana hanno voluto creare un po´ di trilling, ma la salvezza acquisita sul campo non ce la poteva togliere nessuno. La squadra, del resto, già domenica sera se n´è tornata a casa tranquilla. Godiamoci questa salvezza».

Serie D, capitolo chiuso. Godiamoci la salvezza, e poi? Franco Cassarà s´è fermato al presente e non ha accennato al futuro. E´ certo, il presidente Caruso lascerà. L´ha già anticipato al vice presidente Giovanni Pinnolo e ai dirigenti Angelo Licitra e Salvatore Floridoro. Il presidente intende recuperare i soldi che ha sborsato e cedere la società.

A Pinnolo o a qualche altra cordata poco importa. L´obiettivo è chiudere con il calcio. Anche Cassarà la pensa così? «Con Caruso sono legato da fraterna amicizia. In questo momento penso di smettere anch´io». A una settimana dalla fine del torneo è tutto in alto mare. La società deve prendere i contributi dal Comune, che sono stati deliberati, e poi è pronta a vendere.