Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 743
VITTORIA - 23/11/2013
Sport - Calcio Eccellenza: arrivano i cugini della Contea, ma l’atmosfera è cupa

Vittoria vuole battere il Modica sul campo, ma lo spettro della crisi è presente

Il capocannoniere Frittitta carica i compagni: «Siamo un gruppo fantastico»
Foto CorrierediRagusa.it

Arriva il Modica, è derby. Peccato soltanto che l’atmosfera di un derby come quello tra Vittoria e Modica non si avvicini nemmeno lontanamente a quella di qualche anno fa. Ormai, più che di calcio giocato, si parla soltanto di crisi calcistiche, difficoltà economiche, tifoserie sempre più lontane dalle domeniche in curva e allo stadio; tutto ciò di necessario insomma per constatare il ridimensionato grado d’interesse di un vecchio classico come Vittoria-Modica.

Eppure, a guardare la classifica, non tutto sembrerebbe da buttare: stessa posizione (terzo posto) stessi punti totalizzati (19) e persino stessa condizione economica-societaria alle spalle.

E qui eccoci alle solite, con un Vittoria forte sul campo – 4 risultati utili consecutivi, di cui 3 vittorie ed un pareggio – ma debole dal punto di vista societario, dove, a fargli compagnia, ci sta la società della Contea anch’essa in preda a mal di pancia dirigenziali.

Come andrà a finire alle due compagini iblee (al di là del derby) ancora non lo sappiamo, ma ciò che risulta imminente dalle parti biancorosse ce lo riferiscono i dirigenti Luca D’Agosta e Salvatore Barravecchia: "Entro questa e la prossima settimana si definirà il futuro del Vittoria calcio". Tre in poche parole le ipotesi: la prima legata al rafforzamento della squadra qualora gli sponsor in «forse» decidessero di contribuire al campionato positivo dei biancorossi; la seconda quella di un ridimensionamento generale (via i big con in campo locali e juniores per arrivare alla fine della stagione) o peggio ancora, in ultima ipotesi, il totale smantellamento dell’organico.

Passiamo ora all’aspetto derby: "Vogliamo prenderci una piccola rivincita dopo l’eliminazione dalla coppa Italia – sostengono in dirigenza – ma per farlo il Vittoria dovrà dare come sempre il massimo di sé». Stefano Frittitta, capocannoniere del Vittoria, sottolinea: «Siamo un gruppo fantastico. Al Vittoria si è formato uno spogliatoio così unito da poter giocare anche gratis. Ma questa è la pura verità, perché da quando gioco a calcio poche volte ho trovato compagni di squadra così seri e pieni di spirito. Il Siracusa (oltretutto città natale del giocatore) sulle mie tracce? Può darsi, ma tutto dipenderà dalle parole dei dirigenti quando si apriranno le liste».

Infine parla anche l’ex attaccante Carpentieri: «Giocare contro il Modica? Sarebbe bello anche poter segnare e vincere. Nel calcio bisogna dare sempre il massimo per la squadra in cui si gioca. Dunque spero di potermi giocare le mie carte".