Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 846
VITTORIA - 19/11/2013
Sport - Calcio Eccellenza: biancorossi riprendono gli allenamenti dopo il pari etneo

Arriva il derby Vittoria-Modica, ma non c’è l’atmosfera dei tempi migliori

La squadra di Alacqua recrimina per i due punti lasciati a San Gregorio e si concentra sui cugini in grande difficoltà societaria
Foto CorrierediRagusa.it

Ciò che si semina si raccoglie: nella fattispecie poco, visto che il Vittoria a San Gregorio non è stato molto deciso nel tentare il quarto successo consecutivo dopo le 3 splendide prestazioni precedenti che l’hanno portato ai vertici della classifica, a soli quattro punti dalla capolista.

Il direttore generale Luca D’Agosta ammette che il Vittoria ha fatto il minimo indispensabile che bastasse a non perdere in un campo difficile, ostico sia per le insidie che nasconde una struttura in terra battuta, sia per il clima spesso pesante che si viene a creare in terra etnea. La partita è stata corretta, ma le due squadre hanno fatto prevalere le difese piuttosto che i reparti offensivi.

Il Vittoria con il punto preso in trasferta si mantiene in carreggiata e rispetta la media inglese, anche se, in quanto squadra più titolata, avrebbe dovuto offrire di più in avanti. Avrebbe dovuto cercare il gol con maggiore convincimento, come fanno le squadre dell’alta classifica che se proprio non hanno ambizioni di primato devono almeno competere per i play off. L’undici di Alacqua (foto), invece, recrimina per 3 sole occasioni da rete create da D’Agosta, Frittitta e Carpentieri. Sfortuna e bravura del portiere ospite: sono questi gli intoppi che impediscono di fare gol e centrare l’obiettivo.

Per quanto riguarda l’aspetto societario, che pure determina il buono o cattivo andamento del campionato, va detto che l’erogazione di un acconto delle spettanze ai calciatori ha portato un po’ di serenità all’ambiente. E questo fa capire che se il Vittoria avesse avuto maggiore tranquillità economica e societaria, forse a quest’ora avrebbe quei punti che mancano per essere appaiati al vertice della classifica.

«L’amministrazione comunale- rivela il diggì Luca D’Agosta- ha erogato un contributo di 12 mila euro relativo alla passata stagione. E questo ha smorzato un po’ la tensione che c’era negli spogliatoi. E’ poco, serve ancora molto altro per allontanarci dalla secca; mancano ad esempio, i soldi che avrebbe dovuto portare lo sponsor. Andiamo avanti così, sperando di evitare altri pericoli. Sarebbe un peccato rompere quanto di buono abbiamo costruito».

La squadra ha ripreso gli allenamenti in vista di una partita che, giocata in un clima sereno e tranquillo, avrebbe fatto la gioia del cassiere biancorosso e la felicità dei tifosi: arriva il Modica (salvo clamorosi sviluppi negativi nella società rossoblù, che naviga pure in cattive acque finanziarie), partita derby e come tutti i derby aperto a qualsiasi risultato. Una partita, comunque, che il Vittoria dovrà fare sua a prescindere dal valore dell’avversario che scenderà in campo al comunale.