Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1412
VITTORIA - 17/11/2013
Sport - Calcio Eccellenza: biancorossi sprecano troppo sul brutto campo etneo

Troppe reti sbagliate, pareggio 0-0 del Vittoria nell’anticipo di San Gregorio

D’Agosta, Frittitta e Carpentieri sbagliano a turno e la squadra manca il quarto successo consecutivo. Domenica prossima il Modica in casa
Foto CorrierediRagusa.it

SAN GREGORIO- VITTORIA 0-0

Vittoria: Linguaglossa, Di Rosa (1´st Valerio), Russo, Commendatore, Diop, Puzone, D´Agosta, Iapichino 28´st Navantino), Frittitta, Casisa, Iabichella.

Arbitro: Figuccia di Marsala

Un punto fuori casa non è male, specialmente quando si gioca in un campo brutto e ostico come quello di San Gregorio. A fine partita chi recrimina è il Vittoria. Perché non ha vinto pur avendone i meriti contro una squadra sicuramente inferiore e in un campo in terra battuta simile a una lastra di ghiaccio.

I ragazzi di Alacqua hanno avuto a portata di mano la quaterna di successi consecutivi, ma Luca D’Agosta, Frittitta e Carpentieri non sono riusciti a concretizzare 3 occasioni da gol molto limpide. E’ il caso di dire 3 gol mangiati o per errori degli attaccanti o per la troppa bravura del portiere del San Gregorio, Meo, che si opposto ai tiri degli attaccanti biancorossi.

Ora il derby domenica prossima al comunale di Vittoria, dove arriva il Modica. La squadra dopo la crisi scoppiata due settimane fa sembra avere ritrovato un po’ di serenità, complici i risultati positivi. «La situazione economica resta difficile ma non come prima- dice il direttore Fabio D’Agosta (foto)- Ci manca qualcosa rispetto ai progetti iniziali. Ci manca il sostegno dello sponsor. Abbiamo avuto un mandato dal Comune di 12 mila euro, arretrati del passato, ma aspettiamo ancora il presente».