Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1384
VITTORIA - 01/10/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: contro F. C. Acireale la prima sconfitta stagionale dei biancorossi

Il Vittoria segna poco. D´Agosta e Frittitta con le polveri bagnate

Quattro reti in quattro partite (di cui 2 dagli undici metri) spiegano ancora meglio il preoccupante aspetto. Ed il pareggio ad Acireale non è arrivato solo ed esclusivamente per questo Foto Corrierediragusa.it

Il Vittoria è caduto ad Acireale per la prima volta in campionato dopo il pareggio non proprio soddisfacente di 7 giorni fa in casa con il Misterbianco.
In terra acese tante le occasioni buttate al vento (diverse per merito dell’estremo difensore granata) e partita condotta gran parte dei minuti in superiorità numerica (alla fine l’Acireale si è ridotto pure in 9 uomini).

Un dato è certo; quando il Vittoria gioca con un uomo in più non riesce a fare gran bella figura. E’ accaduto in occasione della sfida di coppa Italia con il Modica (sia all’andata che al ritorno) e domenica scorsa la circostanza si è ripetuta puntualmente. Sinonimo del fatto che i biancorossi dovrebbero gestire di più e in maniera migliore le proprie condizioni favorevoli sul campo.
Eppure il Vittoria attuale sembra tutto fuorché un organico sprovveduto e non in grado di portare a termine i propri scopi, semmai incapace ancora di materializzare in gol la tanta mole di gioco costruita durante i 90 minuti. In altre parole il problema di oggi si chiama attacco: il Vittoria segna poco e spesso senza i suoi centravanti.

Frittitta, oltre a non aver ancora dimostrato il suo valore (troppo poco 1 solo gol su rigore a Siracusa) è apparso in ritardo anche ad Acireale; Fabio D’Agosta, dal canto suo, sembra lontanissimo dallo straordinario stato di forma di qualche mese fa. Insomma, se l’anno scorso i biancorossi giocavano a singhiozzo ma segnavano parecchio, oggi accade l’inverso.

Quattro reti in quattro partite (di cui 2 dagli undici metri) spiegano ancora meglio il preoccupante aspetto. Ed il pareggio ad Acireale non è arrivato solo ed esclusivamente per questo. Dunque come recuperare il gap? Lorenzo Alacqua, data la sua esperienza, avrà certamente qualche idea in testa, ed è bene per il Vittoria che già da domenica prossima a Taormina si torni ai 3 punti per non perdere di vista gli importanti obiettivi di campionato.