Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 923
VITTORIA - 14/09/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: in panchina è una sfida tra ex tra Pitadella ed Alacqua

Rientra D´Agosta nel Vittoria che affronta il Siracusa al "De Simone"

Sqaadra motivata e con un Casisa già in ottima forma che ha già presola squadra per mano Foto Corrierediragusa.it

Sfida tra grandi e tra ex nel match tra Vittoria e Siracusa. E´ quella in panchina tra Orazio Pitadella che ha cominciato la stagione sulla panchina biancorossa per fare poi il gran rifiuto e Lorenzo Alacqua che ha allenato in D gli azzurri.

L´ultimo match tra biancorossi e aretusei fu in serie D l´ultimo scontro, con gli azzurri promossi in Lega Pro e vittoriesi retrocessi in Eccellenza e quello in Eccellenza arriva dopo appena una sola giornata di campionato. Un peccato se consideriamo che le due squadre - entrambe candidate a disputare un campionato da protagonisti - si trovano ancora in fase di rodaggio e di conseguenza non al meglio delle proprie condizioni atletiche. Successo biancorosso a parte (il Rometta non è uno di quei test attendibili), la controprova è arrivata dal Siracusa costretto ad inseguire il pareggio domenica scorsa a Misterbianco
Nel Vittoria rientra il bomber Fabio D´Agosta (nella foto) e la squadra ha il morale alto, convinta di faare risultato. Le conferme arrivano dal centrocampo, dove Peppe Casisa sembra aver subito preso in mano il reparto. Non come play basso davanti alla difesa (come si aspettava qualcuno) ma nel ruolo di vertice alto spesso e volentieri a sostegno delle punte.

«Quello del ruolo - dice il giocatore, protagonista in positivo con il Rometta - è l´ultimo dei miei problemi. La posizione che ho ricoperto nelle prime 3 partite di stagione è certamente congeniale alle mie caratteristiche tecniche, ma in passato in C1 ho giocato anche come play basso. Non importa, ciò che conta è fare bene durante la partita, e con il tecnico trovare sintonia di gioco diventa ogni giorno sempre più facile. Prima rete da calciatore biancorosso? Non potevo che dedicarla a mia figlia Nicole, nata da pochissimo".