Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 613
VITTORIA - 19/07/2013
Sport - Calcio: ha una carriera di tutto rispetto e risponde alle ambizioni della società biancorossa

Lorenzo Alacqua è il nuovo allenatore del Vittoria. Ora via ai rinforzi

Crisi tecnica risolta dopo il forfait di Pitadella. La società alle prese con la definizione dell’organico Foto Corrierediragusa.it

Il Vittoria ha ingaggiato il suo nuovo allenatore: si tratta di Lorenzo Alacqua (nella foto), ex tecnico di Taranto, Catanzaro, Siracusa, Palazzolo (squadra con cui rispedì proprio il Vittoria in Eccellenza) e Nuova Igea.

Sono stati giorni di fuoco quelli antecedenti la nomina di Lorenzo Alacqua. Per brevissimo tempo il nome più gettonato è stato quello di Totò Brucculeri (fissato persino un incontro a Vittoria) insieme all’ipotesi del ritorno Giovanni Campanella, come al solito fortemente sponsorizzato da Salvatore Barravecchia. A lanciare l’ultima scommessa, invece, il direttore sportivo Gaetano Albergamo, con l’idea di affidare la panchina all’ex atleta biancorosso Giovanni Baratto. Niente da fare, alla fine meglio puntare dritto sull’esperienza di un allenatore come Alacqua, profilo adatto alla causa biancorossa.

«A convincerci – ha dichiarato la società dopo la notizia dell’ingaggio – sono state le qualità sia dell’allenatore che della persona. Esperienza, serietà professionale e risultati alle spalle possono bastare per mettere il Vittoria in buone mani. Siamo certi di aver compiuto la scelta giusta dopo le recente vicissitudine Pidatella. Non appena raggiungeremo il numero necessario di atleti la stagione prenderà il via»

Ma con l’arrivo di Alacqua si registrano altri cambiamenti. Il preparatore atletico Saro Marangio non collaborerà più con il Vittoria: «L’idea di defilarmi alla luce delle ultime incomprensioni con Pidatella era già nella mia mente. Avevo accettato per continuare con determinati obiettivi. Poi alcuni requisiti sono venuti a mancare e di comune accordo abbiamo rescisso il rapporto con la società».