Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1328
VITTORIA - 21/06/2013
Sport - Calcio: il presidente Manoforte vuole costruire una squadra compettitiva

Tutto da decidere sul nuovo tecnico del Vittoria. Si fa strada Anastasi

La dirigenza deve valutare varie opzioni tra cui la riconferma di Campanella Foto Corrierediragusa.it

La giornata di ieri si è conclusa senza alcuna novità. Fumata nera sul nome del prossimo allenatore del Vittoria. E niente da fare, a questo punto, per ciò che riguarda la riconferma di Giovanni Campanella alla guida tecnica dei biancorossi. Per saperne di più occorrerà pazientare ancora qualche altro giorno, prima di capire come, e soprattutto quando, la nuova dirigenza Manoforte si deciderà a sciogliere le riserve. In corsa, come sappiamo, oltre al nome del tecnico catanese (che ha richiesto un aumento dell’ingaggio rispetto alla passata stagione) potrebbero esserci altri allenatori pronti a vestire i panni del biancorosso nel prossimo campionato.

Tra i papabili gira la voce (ma si tratta di un’ipotesi alquanto difficile) dell’ex giocatore Peppe Anastasi(nella foto), profilo, oltre che valido, conosciutissimo all’interno dell’ambiente ipparino. Oltre ad aver giocato tra fila dei biancorossi negli anni della scalata alla C1, Anastasi è stato pure avversario dei vittoriesi in qualità di allenatore del Palazzolo (società con cui ha vinto il campionato di Eccellenza) prima di approdare al Ragusa di Giuseppe Rimmaudo in serie D. Al momento, comunque, tutto rimane bloccato. In base alla scelta della guida tecnica si aprirà successivamente la pagina relativa alle operazioni di calcio mercato.

Il Vittoria, come facile immaginare dopo le recenti dichiarazioni di Giovanni Manoforte ed il rafforzamento della società tramite l’ingresso di nuovi soci, dovrebbe proiettarsi verso la costruzione di un organico competitivo. Operazione che includerebbe in primo luogo il tentativo di riconferma degli uomini migliori. Smantellare tutto per ripartire da zero è una mossa – le dimostrazioni non sono mancate in passato – che di solito non porta lontani, specialmente dopo un’annata ricca di feeling sia dentro che fuori dal campo tra tutti i giocatori.

La riconferma di Campanella, in quest’ottica, proietterebbe, in maniera più facile, i fedelissimi Nobile, Vitale, Cocimano, Rametta, Crisafulli e Bevilacqua ad un’altra stagione in biancorosso. Difficile, invece, pensare la stessa cosa per il bomber Fabio D’Agosta (23 centri); su di lui si preannunciano tanti occhi puntanti nonostante la società sia stata chiara: "Lo cederemo soltanto in caso di richieste provenienti dalla Lega Pro e per il bene della sua carriera".

Ma insieme a D’Agosta sono anche altri i nomi vittoriesi di spicco pronti a fare gola nella prossima sessione estiva di mercato. Ecco perché la scelta dell’allenatore diventa prioritaria ai fini della programmazione futura. Prima ci sarà un allenatore e prima sarà possibile capire le serie intenzioni della società.