Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 567
VITTORIA - 14/05/2013
Sport - Volley, B2: sconcerto in società per la mite sanzione del Giudice sportivo dopo i gravi fatti di Gallico

Il Kamarina guarda al futuro ed Azzara dà 7 alla squadra

Dopo la salvezza conquistata in campionato e la fine della stagione regolamentare è tempo ora di capire quali saranno i progetti futuri Foto Corrierediragusa.it

Dopo i fatti di cronaca avvenuti in occasione dell’ultima gara di campionato tra Gallico e Kamarina, la decisione del giudice sportivo arrivata in settimana ha lasciato parecchio a desiderare. Invasione di campo, aggressioni e minacce di morte hanno prodotto soltanto una misera sanzione economica di 3000 euro nei confronti della società calabrese. Una decisione che ha lasciato tutti a bocca aperta. "Per certi versi difficile anche da commentare – parla l’allenatore della squadra Gianni Azzara – sicuramente inadeguata dopo quanto accaduto durante la partita. Ma sono state tante le delusioni vissute quest’anno, probabilmente non dovevamo nemmeno iniziarla una partita così".

Altro che impropria, una sanzione del genere non rende affatto giustizia allo staff tecnico del Kamarina. "Per la Fipav – spiega il preparatore atletico Luciano Bennici - questo tipo di sanzione rappresentava con ogni probabilità il massimo. Di sicuro sia noi che gli arbitri abbiamo denunciato tutto a referto, indicando prima la mancanza d’illuminazione durante il terzo set di gioco e poi la relativa aggressione in campo. Se la federazione ha deciso per tremila euro di multa vuol dire che non poteva fare di più. Di sicuro l’anno prossimo, chiunque andrà a giocare a Gallico, visti i fatti e le relative punizioni, si porterà la scorta dietro ancor prima dell’inizio della gara. È l’unica soluzione. Speravo di chiudere la mia avventura nel mondo della pallavolo in maniera positiva, invece lascio con tanta amarezza e delusione".

Preoccupa anche il futuro della società. Dopo la salvezza conquistata in campionato e la fine della stagione regolamentare è tempo ora di capire quali saranno i progetti futuri. L’incontro con il sindaco della città Nicosia è avvenuto nei giorni scorsi, e a quanto pare si cerca di trovare l’accordo economico per mettere la parola fine una volta per tutte alla stagione. Oltre la delibera comunale (la somma ricordiamo è di venti mila euro) dovrebbe arrivare qualcosa in più. "Ci siamo incontrati – aggiunge Azzara – la settimana scorsa, ma la questione non è del tutto conclusa. Si cercano vari punti in comune, più in là sarà possibile definire tutto. Possibile che i tempi siano lunghi. In ogni caso la stagione è finita e per un po’ voglio riposarmi. Un voto tecnico alla stagione? Credo 7, forse anche 8. Il livello del campionato, a differenza di come sostengono molti, è stato elevato, con squadre in gamba e pronte a lottare per le zone di alta classifica. Noi siamo partiti bene all’inizio, rischiando di vincere in casa contro la capolista e neo promosso in B1 Agrigento (3-2 in rimonta per le avversarie), poi la crisi societaria, ma nonostante i conflitti siamo rimasti sempre a galla, senza cedere. Ecco il perché del voto alto. Vedremo cosa ci riserveranno i prossimi giorni".