Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 847
VITTORIA - 10/04/2013
Sport - Calcio, serie D: il pari di Modica lascia qualche recriminazione in casa biancorossa

Ultime due partite: il Vittoria vuole mantenere il 2° posto

Domenica si gioca in casa contro il Mazzarrà e si finisce sul campo del S. Gregorio Foto Corrierediragusa.it

La 28esima giornata di Eccellenza ha decretato i suoi primi verdetti; vittoria del campionato all’Orlandina con due turni d’anticipo e retrocessione diretta ai danni di Atletico Villafranca e Atletico Gela (in piena crisi generale l’ambiente calcistico gelese) mentre toccherà al Comiso evitare la terza retrocessione diretta e per questo ridurre a meno di 10 lunghezze il distacco in classifica dalla quintultima, altrimenti non ci sarà spazio nemmeno per i playout.

Ma da situazioni piuttosto delicate come la seguente non è da escludere totalmente fuori il Vittoria, perché ora i punti che lo separano dal Due Torri in classifica si sono ridotti appena ad uno. Immaginabile alla vigilia dando un’occhiata al calendario (Vittoria impegnato nel derby a Modica, Due Torri in scioltezza a Villafranca) anche se resta difficile non pensare al bicchiere mezzo vuoto alla luce di alcuni episodi eclatanti. Non ci riferiamo solamente al «gol fantasma» non assegnato negli ultimi minuti a Fabio D’Agosta, ma in particolare alla condizione societaria difficile del Modica, da diverso tempo senza una guida tecnica in panchina e un punto di riferimento in società.

Insomma, qualcosa in più il Vittoria poteva certamente farla e, in particolar modo, ottenerla, giusto per evitare il fiato sul collo del Due Torri sino all’ultima di campionato. Ad ogni modo c’è da stare tranquilli, finalmente il calendario gira favorevole all’organico di Campanella il quale, per mettere al sicuro la seconda posizione di classifica e dunque di poter giocare i playoff del girone in casa, dovrà battere in ordine Mazzarà (domenica al «Comunale») e San Gregorio, squadre ormai salve e senza alcun pensiero di classifica in testa.