Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 740
VITTORIA - 12/02/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: la vittoria sull’Aci S. Antonio riporta il sereno in casa rossoblù

Il Modica ci crede ancora e non vuole gettare la spugna

Il centrocampista Tralongo convocato con la rappresentativa siciliana "Juniores" Foto Corrierediragusa.it

Modica più sereno. La vittoria contro l’Aci S. Antonio consente anche di accorciare le distanze dalla testa della classifica anche se Claudio Gallicchio (nella foto) è realista: «Non dobbiamo pensare ad altro se non fare più punti possibili. Alla fine faremo i conti. Ci sono ancora molti scontri diretti e tocca a noi fare il nostro dovere. I giocatori ci credono e li vedo molto impegnati. Certo contro l’Aci S. Antonio non è stata una prova convincente come quella contro l’Orlandina ma penso che abbiamo ampiamente meritato il successo. Non abbiamo mai corso pericoli ed abbiamo gestito bene la gara. Era importante tornare a vincere e dare continuità alla prestazione di Capo d’Orlando. Ci siamo riusciti. Da oggi pensiamo alla trasferta di Gela e poi alla Nuova Igea che affronteremo in casa». A causa della concomitanza delle elezioni la partita con i giallorossi barcellonesi si giocherà infatti mercoledì 20 in anticipo.

I rossoblù sono prima attesi dalla gara contro l’ultima della classe e possono fare bottino pieno. Unico rammarico la squalifica di Porzio che è alla quarta diffida. Gallicchio, tuttavia, ha recuperato Teriaca che è ritornato in campo per qualche minuto dopo quattro mesi di assenza. Il giocatore è ormai nel pieno della sua forma e potrà essere un elemento in più da utilizzare. Probabilmente toccherà proprio a Teriaca sostituire Porzio al centro della difesa in coppia con Sapienza. Il problema del Modica resta comunque la fase offensiva visto che permane la difficoltà nel trovare la via della rete. Contro l’Aci S. Antonio il Modica ha insistito, soprattutto nel secondo tempo, con lanci lunghi per lanciare l’attacco piuttosto che accompagnare le punte. E’ vero che proprio su uno di questi lanci è nata l’azione del gol ma l’insistenza in questo tipo di gioco non giova soprattutto disponendo di giocatori che sanno giocare la palla.

E´ successo domenica:
Modica – Aci S. Antonio: 1 – 0
Marcatore: 37’ pt Carbonaro

Modica: Tarantino 6, Sammito 6, Porzio 6, Tralongo 6 ( 43’st Carpentieri s.v.), Vaccaro 6, Sapienza 6, Raffa 6 (228’st Elefante 5), Sella 6, Carbonaro 6 ( 40’st Teriaca s.v.), Filicetti 6, Gancitano 6

Aci S. Antonio: Catalano 6, Cucè 5 (38’st Caponcello 5 ), Orlando 6, Cordova 6, Spartà 6, Sardo 5, Bonnici 6 ( Belfiore 15’st 5), Santanna 6, Occhipinti 5 ( 15’ Amico 5), Costa 5, Ventura 5

Arbitro: Rutella di Enna 6

Note: spettatori 300 circa. Espulso Santanna per gioco falloso. Ammoniti Sapienza, Filicetti, Cucè e Cordova. Angoli 2 -2. Recupero 1’pt, 2’st


Il Modica ritorna alla vittoria ma c’è poco da prendere oltre ai tre punti. E’ stata una prestazione volenterosa da parte degli uomini di Gallicchio che volevano farsi «perdonare» la sconfitta contro la capolista della scorsa settimana. Partita dunque giocata in modo ordinato in difesa e centrocampo ma, ancora una volta, è emersa la difficoltà dei rossoblù nel trovare la via della rete. Oltre al gol solo un paio di tiri in porta per i locali e tanto lavoro nella fascia centrale.

Per fortuna c’era di fronte un avversario ancora più a mal partito del Modica in fatto di capacità penetrativa. Gli azzurri ospiti non hanno mai visto la porta di Tarantino che è rimasto infreddolito a guardare. La vittoria risolleva senza dubbio il morale e la classifica del Modica che può ora affrontare in modo più sereno il futuro. Carbonaro si è dato un gran daffare in avanti ma ha trovato sempre la strada chiusa. Si è mosso bene anche Raffa sulla fascia tentando di saltare l’uomo e di filare in porta ma è stato spesso chiuso. A centrocampo Gallicchio ha riposto Filicetti (nella foto) davanti alla difesa in veste di playmaker e Gancitano alle spalle delle punte. La cronaca è limitata al minimo visto la povertà della gara. Dopo appena 2’ il primo brivido; Gancitano mette dentro sottomisura ma Raffa è segnalato in fuorigioco, perlomeno dubbio.

Il Modica tiene il pallino del gioco e non concede niente agli avversari. Al 19’ Porzio di testa spedisce fuori di un soffio su palla inattiva; al 31’ cci prova Gancitano, sempre di testa, ma Catalano non corre rischi. Il gol arriva al 3’. Punizione per gli ospiti che viene intercettata da Filicetti, lancio per Raffa che imbecca Carbonaro. Il centravanti salta il portiere in uscita e mette in rete nonostante l’estremo tentativo sulla linea di due difensori.
Nella ripresa il Modica controlla la gara ma non punge. Carbonaro ci riprova. E’ il 39’ e fa tutto bene tranne la conclusione. Si libera di forza di due avversari e lascia partire un fendente che si perde di poco sul fondo.

I risultati della 7ma giornata di ritorno (10 feb. 2013):

Atletico Villafranca – Real Avola 0-0
Rosolini – Taormina 0-0
Vittoria – Nuova Igea 3-0
Due Torri – Atletico Gela 3-0
Mazzarrà – Orlandina 0-0
Modica – Aci S.Antonio 1-0
San Gregorio – Comiso 1-1
Tiger – Misterbianco 3-2

La classifica:
Orlandina 44
Vittoria 43
Due Torri 40
Modica 37
Nuova Igea 36
Tiger 34
Mazzarrà 32
Aci S. Antonio 31
Real Avola 30
Misterbianco 27
Taormina 27
S. Gregorio 25
Rosolini 17
Comiso 16
A.Villafranca 16
A. Gela 11