Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 569
VITTORIA - 06/01/2013
Sport - Volley, B1: nonostante la crisi societaria il sestetto si è ben battuto

Kamarina tutto cuore e grinta, batte Savio Messina 3-1

La squadra allenata da Gianni Azzara trova le giuste motivazione per tornare in campo dopo la pausa e fa sua l’intera posta in palio Foto Corrierediragusa.it

Kamarina -Savio Messina 3 - 1

KAMARINA: Polito, Cianflone, Saracino, Elia, Di Emanuele, Lombardo, La Rocca, Koritarova, Giallongo (L) Frasca, All. Azzara.

SAVIO MESSINA: Di Domenico, De Francesco, Ferraro, Vasi, Morelli (L) Scimone, Nielsen, Ingrosso, Vasi, Aloisi, Merciels.

ARBITRI: Straniero e Giordani di Catania
SET: 25-21/15-25/25-21/25-23


Per merito di una prestazione tutta cuore e grinta la Kamarina Vittoria torna a vincere in casa conquistando 3 punti a spese del Savio Messina. Nonostante la crisi economica che attualmente attanaglia la società iblea (l’ala Guastella ed il libero Timpanaro hanno deciso di andare via) la squadra allenata da Gianni Azzara trova le giuste motivazione per tornare in campo dopo la pausa e fa sua l’intera posta in palio.

Da sottolineare la buona prova delle atlete locali Saracino (14 punti) Elia (16) La Rocca e Lombardo, chiamata subito a rimpiazzare assenze importanti del calibro di Guastella e Timpanaro. Infine le ottime prestazioni del capitano Di Emanuele (16 centri) delle centrali Daniela Polito (8), Daniela Cianflone (16) e dell’ala Giallongo (schierata come libero da Azzara) hanno completato il cerchio della giornata regalando al pubblico del Palasport la gioia della vittoria.

Ma i 3 punti ottenuti nella giornata di sabato non allontanano purtroppo la paura della crisi economica-societaria guidata dal presidente Elio Murgana. Questa settimana sarà probabilmente la decisiva per il futuro dell’intero gruppo. Appelli al sindaco e alla città sono già stati inoltrati, speriamo che oltre alle parole e alle solite «rassicurazioni» si passi adesso a qualcosa di più concreto.