Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1457
VITTORIA - 05/01/2013
Sport - Calcio, Eccellenza: Campanella intenzionato ad utilizzare i cinque nuovi acquisti

Il Vittoria a Taormina con un occhio alla Coppa Italia

Mercoledì semifinale di ritorno a Brolo contro il Tiger per conquistare la finalissima

Doppio impegno per il Vittoria. Prima a Taormina per la seconda di campionato e poi a Brolo per la semifinale di ritorno di Coppa Italia (1-0 per i biancorossi all’andata). Gli uomini di Campanella sono animati da buoni propositi: dare una continuità al campionato e conquistare a tutti i costi la finalissima di coppa Italia regionale di Eccellenza.

Sul campo del Taormina gara difficile perché i messinesi – all’andata i 3 punti arrivarono quasi in extremis – lottano per una posizione di classifica diversa rispetto all’attuale che li vede inchiodati al sest’ulltimo posto. Finora il rendimento in casa dei biancorossi allenati da Giovanni Campanella è stato all’altezza del blasone, con successi importanti in grado di riportare numerosa gente sugli spalti dello stadio e prestazioni piacevoli sul piano del gioco. L’ultima dimostrazione è arrivata prima della pausa dove non c’è stato scampo per un Rosolini alla ricerca disperata di punti salvezza.

L’organico dell’allenatore etneo sembra aver trovato ancora di più la quadratura del cerchio dopo il mercato dicembrino di riparazione, il quale, come sappiamo, ha portato alla corte di Campanella ben cinque giocatori nuovi. Innesti che portano i nomi di Bruno, Incardona, Rametta, Giudice e Iapichino - gli ultimi due juniores - ovvero quelli utilizzati finora dallo stesso tecnico. Specialmente in avanti dove adesso non è il solo Fabio D’Agosta a doversi caricare sulle spalle tutte le responsabilità dell’attacco.