Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 574
VITTORIA - 18/12/2012
Sport - Calcio, Eccellenza: acquistati l’attaccante Ramettta e l’esterno Bruno, un ex

Per il Vittoria semifinale di Coppa contro il Tiger Brolo

Si gioca mercoledì alle 14.30. Biancorossi ad un passo dalla finale

Semifinale di coppa Italia domani pomeriggio al «Comunale». Per il Vittoria torna l’impegno infrasettimanale giunto ormai quasi alla fine. Soltanto 180 minuti separano ormai i biancorossi dalla finalissima regionale d’Eccellenza. La gara verrà giocata contro i messinesi del Tiger Brolo.

Ma le notizie più importanti arrivano dal mercato, dove la società biancorossa ha messo a segno altri due colpi decisivi. Dopo gli arrivi di Incardona, Giudice, Iapichino e Morales, ecco il turno dell’attaccante Michele Rametta (ex Siderno, Ragusa, Santa Croce) e dell’esterno Carmelo Bruno, un ex biancorosso.

«Siamo contenti – afferma il direttore sportivo Luca D’Agosta – in virtù degli ultimi acquisti portati a segno. Lavoravamo ormai da diversi giorni ai due giocatori e aver raggiungo l’accordo è stato importante per tutti, per la società, per il Vittoria e per i suoi tifosi. Abbiamo preso finalmente l’attaccante che tanto è mancato alla squadra durante la prima parte di stagione. Con Zaccanti non è andata bene e la società si è trovata scoperta senza poter fare nulla fino a dicembre.

Rametta e Bruno sono giocatori scelti in maniera oculata insieme a tutto lo staff tecnico della dirigenza e all’allenatore, al quale è stato rafforzato l’organico dopo tutti i risultati positivi dell’andata. Siamo in semifinale di coppa Italia e non è poco. Ci tenteremo fino alla fine perché ormai siamo lì e la finale va cercata a tutti i costi»

E´ successo domenica
Vittoria - S. Gregorio: 2 -1
Marcatori: 46’pt Incardona, 7’st D’Agosta, 24’st Blatti

VITTORIA: Vitale, Di Rosa, Patti, Iapichino, Nobile, Citronella, D’Agosta, Bevilacqua, Crisafulli (34’st Giudice) Cocimano (19’st Sinito) Incardona. A disp. Fatuzzo, Gurrieri, Puccio, Monteneri, Morales. All. Giovanni Campanella.

S. GREGORIO: Di Mauro, Barbagallo, Famà, Strano, Salemi, D’Arrigo, Laudani, Blatti, Tosto, Garrasi, Di Stefano. A disp. Strano, Puglisi, Consoli, Pocina, Cammarata, S. Tosto, Rasà. All. Nicola Malaguarnera.

ARBITRO: Salvo di Barcellona Pozzo di Gotto. Assistenti Rizzo e Garofalo di Agrigento

NOTE: Ammoniti Barbagallo, Blatti, Nobile, Vitale, Incardona. Espulso Blatti per proteste. Angoli 7-2 per il Vittoria


Tre punti d´oro per il Vittoria di Giovanni Campanella. La formazione biancorossa è tornata a vincere in campionato contro gli ospiti etnei del San Gregorio. Le due reti decisive portano la firma di Totò Incardona (arrivato a Vittoria durante il mercato di dicembre) e di Fabio D´Agosta nella ripresa.

Nel primo tempo non sono molte le azioni da gol. Il Vittoria si rende per primo pericoloso con un colpo di testa di Citronella al 13’ ben parato dal portiere Di Mauro, mentre l’occasione migliore prima del vantaggio di Incardona capita sui piedi di D’Agosta poco fortunato nella conclusione. Alla mezz’ora gli ospiti rischiano un clamoroso autogol con Salemi (palla fuori di un soffio sopra la traversa) per poi subire la rete dello svantaggio durante l’ultimo minuto di recupero.

Il neo acquisto Totò Incardona cerca e trova con un sinistro chirurgico l’incrocio dei pali per il gol dell’1-0. Il vantaggio galvanizza i biancorossi di Campanella che nella ripresa entrano ancora più motivati. E così al 7’ D’Agosta scatta in contropiede e sempre di sinistro inchioda Di Mauro per il 2-0. Il raddoppio permette ai padroni di casa di controllare e gestire nella maniera migliore il resto del match alla luce, anche, della poca reattività ospite in fase offensiva.

Per aspettare le prime reazioni del San Gregorio occorre giungere al 22’ della ripresa quando su azione di rimessa Laudani avrebbe l’opportunità di accorciare le distanze. Ma il suo tiro davanti a Vitale non è preciso e si alza altissimo. In realtà si tratta del preludio al gol degli ospiti che si portano sul 2-1 poco dopo grazie alla magistrale punizione messa a segno da Blatti. Peccato che lo stesso autore del gol si faccia espellere ingenuamente un paio di minuti più tardi per proteste lasciando in inferiorità numerica i catanesi nel loro momento migliore. Il Vittoria, approfittando del vantaggio numerico rischia ancora la terza marcatura in contropiede, ma il direttore di gara non vede un fallo di mani in area della difesa ospite negando di fatto un calcio di rigore. Dopo 3’ di recupero non accade più nulla e per i biancorossi arrivano i tre punti pieni.