Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 862
VITTORIA - 18/09/2012
Sport - Calcio: biancorossi al vertice della classifica dopo il successo sul Taormina

D´Agosta trascina il Vittoria. C´è il Comiso da battere

Giovanni Campanella ha innestato nella squadra giovani di valore
Foto CorrierediRagusa.it

Due vittorie, primato in classifica, sei reti all’attivo e sprazzi di bel gioco. Eccolo il Vittoria del Giovanni Campanella-bis, lo stesso allenatore etneo che appena tre anni fa veniva incaricato alla guida della panchina dall’ex diesse Massimo Fichera. Di progetti, giocatori, amicizie ed ambizioni ne sono cambiate parecchie, tanto da riscoprirlo oggi in una nuova versione: determinato come sempre ma umile nella consapevolezza di doversi rimettere in discussione.

Parliamoci chiaro: prendersi la responsabilità di allenare una squadra nata quasi per scherzo in estate non era facile, ed in particolar modo se hai in rosa ragazzi giovanissimi e con poca esperienza alle spalle. Ovviamente il cerchio di senatori su cui contare non manca (Nobile, Crisafulli, Montalto, Patti, D’Agosta) ed è proprio lì che l’allenatore del Vittoria ha deciso di puntare insieme a diversi giovani interessanti (vedi Gurrieri, Iuvara, Sinito, Scifo)

Aggiungi la fortuna di trovarti un giocatore così determinate come D’Agosta e tutto diventa possibile. A dimostrazione del fatto che i primi esami sembrano essere superati: squadra corta, compatta, bruciante nelle ripartenze e con un’arma in più che si chiama spirito combattivo. Perché il Vittoria attacca, e lo abbiamo visto in queste prime partite di coppa e campionato; aspetto che di solito non si avverte quando in testa hai l’obiettivo della salvezza. Insomma, si tratta di un Vittoria che non rinuncia a fare le partite e che cerca di imporre il proprio gioco. Altrimenti non staremmo a parlare di 3 reti in trasferta e altrettante domenica scorsa.

Dunque bene continuare così, pur consapevoli che le incertezze e i maggiori pericoli rimangono sempre dietro l’angolo (siamo onesti nel dire che il Vittoria non ha una panchina in grado di sostituire i titolari). Ed è lo stesso Campanella a confermarlo: «Restiamo calmi, siamo all’inizio di questa avventura ed è logico non esaltarsi. In alcuni reparti siamo scoperti, con la società stiamo lavorando anche in questa direzione».

Dopo arriva l’analisi tecnica delle prime partite: «E’ vero – puntualizza - abbiamo vinto contro Rosolini e Taormina ma concediamo tantissimo ai nostri avversari. Il carattere e la capacità di reagire ci permettono in questo momento di superare le diverse difficoltà. C’è da recuperare principalmente in mezzo al campo, dove in squadra manca un vero regista. Differenze rispetto a due anni fa? Siamo più sereni, c’è meno pressione e questo ci permette di lavorare con maggiore tranquillità».

Poi due parole su D’Agosta, bomber del torneo: «Mi chiedo come mai Vittoria abbia impiegato così tanto tempo prima di scoprire un giocatore del genere. Contro il Taormina, alla fine, erano in 4 a fare pressione su di lui. Gli auguro di continuare così, di questo passo l’Eccellenza comincerà a stargli stretta".

Infine il derby di domenica prossima, dove il Vittoria andrà in campo per giocarsi ancora una volta i 3 punti: «E’ importante rimanere con i piedi per terra, Comiso non è un avversario semplice, motivo per il quale ci stiamo preparando bene prima dell’incontro. Ma è normale che il Vittoria si presenterà per vincere la partita».

E´ successo domenica:
VITTORIA- TAORMINA 4-2

VITTORIA: Vitale, Iuvara, Sinito (15’st Scifo) Patti, Nobile, Citronela, D’Agosta, Gurrieri, Vasta (40’st Pecorari) Cocimano, Crisafulli (8’st Livia). All. Campanella.

TAORMINA: Lo Monaco, Scolaro, Laquidara, Puglia, Mannino, Bonaccorso, Mancuso (39’ Grieco) Blatti, Totaro, Catania, Alessandro. All. Dardanelli.

ARBITRO: Saia di Palermo (ass. Foraci e Caruso di Enna)

RETI: 12’pt D’Agosta, 5’st Totaro, 9’st Alessandro, 20’st D’Agosta, 38’st Cocimano, 47’st Pecorari.


Due su due: il Vittoria e Fabio D’Agosta rispondono presente a quest’inizio di stagione. Il binomio è quanto mai doveroso per un giocatore sempre più simbolo di una squadra finalmente ritrovata. 7 reti in 4 partite, tre doppiette (Gela, Rosolini, Taormina) e tanta classe. Nessuno finora meglio di lui in termini di realizzazione. Ma dietro le grandi giocate del numero 7 biancorosso c’è un gruppo di ragazzi che sta rispondendo alle aspettative della società. Cuore e grinta non mancano alla squadra di Campanella, capace di vincere due partite in rimonta e segnando 6 reti.

Il trionfo che non t’aspetti. Partenza sprint dei biancorossi che partono ancora una volta con il piede sull’acceleratore. Al primo affondo (12’) di D’Agosta è già gol, e che gol: scatta sulla sinistra, si accentra dopo aver sbandato un paio di difensori, e con il destro dal limite deposita il pallone sotto l’incrocio. Un gesto tecnico di rara bellezza. Poi la ripresa e la sofferenza. Il Taormina (ben messo in campo dal suo allenatore De Cento) si risolleva grazie ad un calcio di rigore piuttosto dubbio fischiato per un fallo di mani in area.

A pareggiare il primo svantaggio è Totaro, mentre tre minuti più tardi il quasi crollo. L’attaccante Alessandro, lasciato solo in piena area, realizza l’1-2. La rete ospite spiazza un po’ il pubblico del «Comunale» fino a quando il direttore di gara (insufficiente la sua direzione) non assegna un altro penalty per un atterramento al limite d’area ai danni di D’Agosta. Dal dischetto lo stesso attaccante pareggia.

A realizzare per la gioia dell’intera squadra e del pubblico presente la rete del 3-2 è il centrocampista Cocimano, abile nel ribattere a rete dopo una respinta corta della difesa. Infine il 4-2 del locale Pecorari, entrato a pochi minuti dalla fine e veloce a segnare la sua prima marcatura con la maglia biancorossa. E domenica derby contro il Comiso.


I risultati della 2a giornata (16 sett. 2012)



Atletico Villafranca – Mazzarrà 1-1

Città di Vittoria – Taormina 4-2

Due Torri – Città di Rosolini 2-1

Misterbianco – Aci Sant’Antonio Ambrosiana 1-1

Modica – San Gregorio 1-1

Nuova Igea – Atletico Gela 2-1

Real Avola – Orlandina 1-3

Tiger – Comiso 1-1 


La classifica:


Vittoria 6

Due Torri 6

Aci S. Antonio 4

Comiso 4

Tiger Brolo 4

Orlandina 4

Nuova Igea 3

Modica 2
Villafranca 2

Mazzarrà 2

A. Gela 1

S. Gregorio 1

Taromina 0

Rosolini 0

Real Avola 0

Misterbianco (-2) 0


grandi ragazzi!!!!!
16/09/2012 | 20.41.11
paolo

Veramente bravi, i ragazzi giocano con cuore e grinta, e nel divertirsi vincono le partite....continuiamo cosi...FORZA VITTORIA!