Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 753
VITTORIA - 14/09/2012
Sport - Calcio, Eccellenza: la squadra ha dimostrato una buona condizione fisica

Arriva il Taormina, ma il Vittoria vuole restare in alto

Si punta sulla verve del cannoniere D’Agosta, autore di 5 gol in 270 minuti

Il Vittoria è partito alla grande: superato il turno di coppa Italia a spese dell’Atletico Gela (successo all’andata e pari esterno), ha conquistato i suoi primi tre punti della stagione a Rosolini. Un inizio da protagonista, non c’è che dire, reso ancor più convincente dalla vittoria ottenuta in trasferta. Con tanto di «arrivederci e grazie lo stesso» a coloro che nelle ultime ore avevano abbandonato la maglia biancorossa per accasarsi da un’altra parte. Un modo per dimostrare che in questo campionato c’è forse un piccolo spazio anche per il Vittoria. Non illudiamoci, siamo appena all’alba della nuova stagione, e dunque che si mantenga la strada dell’umiltà e del duro lavoro in allenamento.

D’altronde, a ritagliare per il Vittoria questo piccolo spazio, impreziosito con due vittorie in tre partite, è stato finora l’attaccante vittoriese Fabio D’Agosta, autentica sorpresa non del Vittoria ma dell’intera Eccellenza. Una partenza, quella del bomber locale, quasi impressionante, con 5 reti in soli 270 minuti. Numeri da record.

Con delle previsioni così sarebbero state in molte le società pronte a farsi guerra per accaparrarsi prestazioni e gol del giocatore. A sorprendere è in particolar modo la forma atletica: corsa, resistenza e facilità di esecuzione sono doti che di solito assistiamo in altre categorie. Vittoria, insomma, ha trovato in casa il suo talento e se lo tiene stretto in previsione di un campionato lungo e difficile.

A rendere pubblico il suo stato di piena forma, lo stesso atleta: "Gol a parte – dice D’Agosta – la cosa più importante è raggiungere l’obiettivo prefisso dalla società. Mi piacerebbe concludere in doppia cifra come accaduto negli ultimi quattro anni, ma ripeto, quello che più conta è la voglia di fare bene e dare il massimo con la squadra della mia città".

E domenica prossima, in casa, per la prima al «Comunale» arriva il Taormina di Saro De Cento. Una gara sicuramente all’altezza dei biancorossi, che dalla loro hanno anche i numeri a favore. Nelle ultime tre stagioni i messinesi non sono mai riusciti ad imporsi da queste parti. La sfida da ricordare contro il Taormima risale a due stagioni fa, quando in occasione della semifinale di ritorno di coppa Italia, il Vittoria sfoderò una delle più belle prestazioni con Campanella allenatore. Rimonta, successo ai calci di rigore e conquista della finale regionale (poi vinta contro l’Alcamo sul neutro di Licata). E domenica arriva una buona occasione per incamerare altri 3 punti.