Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1064
VITTORIA - 10/09/2012
Sport - Vela: stagione velica verso la chiusura in positivo

Cresce il Circolo Anemos a Scoglitti: regate e solidarietà

Stagione esaltante e «gemellaggio» con il Club Nautico. E i ragazzi disabili del Parent Project e Mo.V.I.S., grazie all’abbattimento delle barriere architettoniche, hanno potuto trascorrere una giornata al mare
Foto CorrierediRagusa.it

Grandiosa stagione estiva quella del Circolo Velico Anemos di Scoglitti. In effetti tutti i pronostici del direttivo sono stati centrati in pieno: crescita esponenziale dei soci e sviluppo tecnico in termini di regata agonistica, dove a svolgere un ruolo altrettanto importante è stato il Club Nautico di Scoglitti, insieme al quale si è stretta una vera e propria forma di gemellaggio. Del resto «l’unione fa la forza» ed i frutti di questa nuova collaborazione si sono visti eccome. A partire dalle prime regate agonistiche con l’equipaggio dell’Anemos - composto dai giovanissimi Enrico Garrasi, Giovanni Di Blasi, Luca Genco e Michele Sisino – capace di regalare grosse soddisfazioni al cospetto di tanti altri equipaggi più quotati in tema di esperienza velica. Merito da attribuire in particolar modo ai due maestri di vela Giuseppe Trombatore (Club Nautico Scoglitti) e Stefano D’Amico (Anemos) capaci di coinvolgere i giovani velisti in corsi di formazione specifica ed approfondita.

Vero fiore all’occhiello del Circolo, infine, la cultura della solidarietà. La prova è arrivata lo scorso 25 agosto quando il Circolo velico Anemos, in collaborazione con le associazioni Parent Project e Mo.V.I.S. ha dato la possibilità ai ragazzi disabili di trascorrere un’intera giornata al mare. Ciò è stato reso possibile in quanto lo stesso Circolo è uno dei pochi attrezzato in maniera tale da abbattere qualsiasi forma di barriera architettonica. «Grazie a delle speciali carrozzine – ha spiegato il presidente pro tempore Mo.V.I.S. Onlus Carmelo Comisi – durante la mattinata, i ragazzi hanno vissuto una giornata d’estate, godendo della spiaggia e dello splendido mare. Questo, ordinario per la gente comune, è un’eccezione per tutte quelle persone che sono costrette a vivere su una sedia a rotelle. La gentilezza degli organizzatori ha reso la giornata ancor più gradevole, offrendo ai ragazzi, alle loro famiglie ed agli amici che erano presenti, una grigliata coi fiocchi. Dopo il pranzo abbiamo affrontato l’argomento disabilità a 360 gradi e la novella associazione Mo.V.I.S ha presentato i suoi propositi, riscuotendo notevole successo. Ci auguriamo e ci batteremo affinché giornate simili non siano l’eccezione ma diventino la regola».

Non manca il sogno: «Parlando con i vertici del Circolo – ha spiegato Comisi – è maturata la convinzione di avere a disposizione una barca priva di barriere, per regalare gite in mare aperto anche a chi ha difficoltà fisiche ed economiche».

Nella foto sopra, il direttivo del Circolo Anemos