Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1276
VITTORIA - 02/07/2012
Sport - Calcio: a due mesi dalla conclusione del campionato ancora tutto fermo

A Vittoria il calcio rischia di scomparire per sempre

Barravecchia indeciso: o va avanti con i ragazzini locali o non iscrive la squadra al campionato

Il Vittoria sembra non interessare più a nessuno. Nonostante i ripetuti appelli dell’attuale proprietario Salvatore Barravecchia, non ci sono persone disponibili a rilevare la società a costo zero. E anche il Comune, che deve ancora erogare una piccola parte del contributo legato alla passata stagione, non ha dato alcun segnale positivo agli inviti di Barravecchia. "Se nessuno si fa avanti entro il 20 giugno - aveva annunciato Barravecchia - o tengo la squadra e continuo con i ragazzi locali, oppure si va verso il fallimento della società".

Cosa è successo dal 20 giugno al primo luglio non lo sappiamo, ma Pietro Cammalleri, che in questi anni è stato il portavoce del gruppo Barravecchia, fa capire che nulla si è mosso.

In tempi di crisi non è facile trovare imprenditori pronti a immolarsi se non c’è una buona pianificazione societaria e un buon sostegno economico da parte dell´amministrazione comunale. "A conti fatti – aggiunge Cammalleri - per costruire una squadra con l’obiettivo salvezza occorrono almeno 80 mila euro. Il minimo indispensabile di retribuzione agli atleti e le spese obbligatorie per le trasferte e il vitto. Inoltre, chi decide di partire deve immediatamente trovare circa 4 mila euro per pagare l’iscrizione al campionato di Eccellenza e alla coppa Italia la cui scadenza dovrebbe essere a fine luglio".

Questa è la situazione calcistica a Vittoria a due mesi dalla fine del campionato e a due dall’inizio del prossimo torneo edizione 2012-2013. Un momento critico e alquanto ingarbugliato. Anche la sciagurata stagione scorsa - iniziata in pompa magna e terminata in maniera deludente – ha contribuito ad allargare questo disinteresse generale che Vittoria sta vivendo con ansia e preoccupazione.