Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 705
VITTORIA - 07/05/2012
Sport - Volley: la prima volta di una squadra vittoriese in B2

Dietamed in paradiso dopo la vittoria su Erice

Grande prova delle ragazze di Gianni Azzara che coronano così un campionato esaltante Foto Corrierediragusa.it

Dietamed Vittoria - Martinez Erice 3 – 1
(25-20, 25 - 19, 21 - 25, 25 - 20)

D. Vittoria: Di Emanuele, Elia, Ferrigno, Frasca, Guastella, Koritatova, La Rocca, Laguzza, F. Lombardo, I. Lombardo, Morfino, Saracino. All. Azzara.
M. Erice: Bilello , Craparotta, Ferro, Gabriele, Maimone, Mandelova, Martino, Ognibene, Scirè, Tummarello, Vassallo. All. Di Stefano

Arbitri: Tanania, Affronti e Grangiamore


E’ il trionfo per la Dietamed Vittoria. Sul parquet del palaCannizzaro di Caltanissetta le ragazze di Gianni Azzara hanno conquistato una storica promozione in B2.

In delirio i 200 tifosi al seguito delle vittoriesiche hanno cominciato bene mettendo a tacere sin dalle prime battute le velleità delle trapanesi. Il secondo set è stato una fotocopia del primo con le iblee in cattedra con Svetla Koritatova a fare la leader in campo. Nella terza frazione Erice è rientrato in gara conquistando un set vitale. Ma la quarta frazione Kporitatoiva e Guastella sono venute fuori alla grande in ricezione e sotto rete non lasciando niente alle avversarie.

Il giorno dopo

La Vittoria del volley torna a sorpresa in serie B2; stravince un campionato prima, si riconferma ai playoff dopo, regge l’impresa in semifinale contro l’avversario più difficile della stagione (il Savio Messina) e non lascia scampo alle trapanesi dell’Erice in finale (3-1). Ora sì, possiamo dare un bel 10 come voto a tutte le atlete biancorosse, protagoniste di un cammino esaltante, ricco di gioie, emozioni, momenti difficili ma soprattutto un cammino pieno di successi.

E’ un grazie sincero quello che vogliamo attribuire alla società del presidente Elio Murgana e del trio dirigenziale Frasca-Normanno-Di Quattro, perché in un anno come l’ultimo - dove lo sport vittoriese è stato costretto ad alzare letteralmente bandiera bianca (falcidiato da ogni genere di problemi e noie) – il volley è rimasto per mesi e mesi l’unica finestra felice di una realtà agonistica da riformare in lungo e largo.

La Dietamed in serie B è una nuova pagina di storia sportiva non soltanto per la città di Vittoria ma per l’intera Provincia di Ragusa. Infine, eccoci all’artefice principale di questo meritato trionfo: Gianni Azzara. C’è molto del tecnico nella fisionomia della squadra. Stessa linea motivazionale, ricerca quasi disperata della perfezione ma soprattutto tanto tanto lavoro. Settimane intere trascorse in palestra ad allenare le sue ragazze, per poi continuare con le più piccole del settore giovanile. Con il suo impegno è stato capace di portare in trionfo una società riportandola nel giro di soli 2 anni dalla serie D alla B2.

"E’ il successo di tutti quanti – dichiara felice Gianni Azzara – della società, delle ragazze, del nostro pubblico. La gara? Primi due set dominati, successivamente un piccolo calo di tensione e diversi errori da parte nostra. Tra l’altro anche il quarto set non era cominciato nel migliore dei modi; poi la reazione determinata di questo splendido gruppo. Non esalto singoli. Tutte quante sono state determinanti sin dalla prima giornata di campionato. Credevamo tantissimo – aggiunge Azzara - in questa stagione, lo abbiamo dimostrato vincendo il girone e arrivando in finale. Un autentico capolavoro corale. Adesso ci godiamo la festa, dopodiché vedremo come orientarci per il futuro".

Ma la riconferma del tecnico sarà il primo tassello dal quale ripartire l’anno prossimo: "Avremo tempo e modo di parlare con la società e con il presidente di determinate cose. Per affrontare un campionato di B2 serviranno innesti di categoria, 3-4 elementi per avere quanto meno un ricambio di livello con la panchina".