Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 785
VITTORIA - 21/04/2012
Sport - Calcio: biancorossi in campo dopo quasi un mese

Il Vittoria gioca a Caltagirone, obiettivo 3° posto finale

Recuperati Italiano e Alonzo. Ancora fermo Chiaramonte. Barravecchi ribadisce: «A fine campionato lascio»
Foto CorrierediRagusa.it

La lunga pausa è finita. Tra feste pasquali e la tragedia di Piermario Morosini, anche i campionati minori hanno dovuto osservare la sosta imposta dalla Lega. Ma ormai siamo agli sgoccioli, poche partite da disputare e poi il rompete le righe. Chi andrà in vacanza e chi comincerà a lavorare per la nuova stagione agonistica. Che farà il Vittoria? Quale futuro all´orizzonte? Ci vorrà un po´ di tempo per capire le risposte. Intanto vediamo come si chiuderà il torneo 2011-2012, che sarà ricordato come uno dei più caotici della lunga storia calcistica biancorossa.

I biancorossi di Giovanni Campanella recupereranno la trasferta di Caltagirone a distanza di sette giorni dalla fatale disgrazia. Trasferta, quella del Vittoria, piuttosto impegnativa in casa dell’Aquila, società alle prese con le solite difficoltà di classifica.

Per i calatini non è stata sicuramente una grande stagione dato che al momento rischiano seriamente la retrocessione. Per evitare la lotteria dei playout servono punti importanti, e la sfida contro il Vittoria sarà determinante in tal senso. Il Caltagirone è alla ricerca disperata di punti e non intende mollare la presa al cospetto di un avversario – il Vittoria - decisamente in condizioni diverse.

Dall’altro lato ci stanno invece le motivazioni dei biancorossi. La squadra agli ordini di Campanella non ha smesso di credere al terzo posto finale, per cui non è da escludere un ritorno a casa con tre punti in più. D’altro canto il Vittoria spera in un passo falso del Due Torri, il quale – ricordiamolo – è lontano soltanto un punto in classifica. Il terzo posto è ormai il chiodo fisso della società, anche se l’obiettivo più importante rimane ancora oggi quello relativo alla rifondazione dell’intera squadra.

Pensiero solamente rinviato, perché alla fine del stagione si ricomincerà (almeno così si spera da parte di tutti) nuovamente da zero, neo presidente e dirigenti permettendo. Dalla società, intanto, arrivano nuove notizie. Pare che l’Amministrazione comunale abbia deliberato una prima tranche di contributi in favore della squadra.

«E’ una notizia – aggiungono i dirigenti – molto importante per noi. Economicamente non è stata una grande stagione, si tratta di una grossa boccata d’ossigeno». Riguardo la partita di Caltagirone: «Abbiamo recuperato due giocatori importanti. Si tratta del difensore Italiano e del portiere Alonzo (nella foto). Purtroppo non ci sarà il centrocampista Salvatore Chiaramonte. Affronteremo le ultime partite che ci restano da giocare con tutte le nostre forze. Il Due Torri? Non è così lontano. C’è una bella differenze se pensiamo alla distanza in classifica di qualche mese fa. Dovremo farci trovare pronti in caso di passo falso da parte loro».

Poi Salvatore Barravecchia aggiunge: «Al termine della stagione lascerò la società, tranne non dovesse esserci nessuno pronto a rilevare la società Vittoria calcio. Ma in quel caso spazio soltanto ai giovani di Vittoria. In città abbiamo tanti ragazzi locali in grado di poter disputare tranquillamente un campionato di Eccellenza. Logicamente gli obiettivi all’inizio sarebbero quelli di una salvezza, ma non è detto che con i vittoriesi non si possa crescere anche in futuro».