Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 712
VITTORIA - 15/04/2012
Sport - Le interviste del dopo partita ai protagonisti

Il presidente Murgana: "Ora a Messina per raddoppiare"

In caso di successo esterno subito finale. Giuliana Di Emanuele fra le migliori in campo: "Abbiamo vinto una battaglia e al ritorno sarà dura
Foto CorrierediRagusa.it

Il fine gara è pieno di grande entusiasmo tra gli addetti ai lavori. Presidente e dirigenti sono il volto della soddisfazione, anche se la strada per la finale non è ancora ultimata. Ma intanto ci si gode il momento.

A parlare per primo il presidente della società Elio Murgana: «Una semifinale sofferta – ammette – ma giocata con il cuore. E’ stata davvero una grande vittoria. Sapevamo di confrontarci contro un avversario competitivo, e nonostante la condizione atletica non al meglio delle ragazze siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo. Aggiudicarsi gara uno in casa era fondamentale. Adesso dobbiamo concentrarci bene per il ritorno, andremo a Messina con lo spirito giusto e con l’obiettivo di tornare a Vittoria senza disputare l’eventuale bella. In questa settimana contiamo di recuperare qualche acciaccato, come abbiamo visto sia Ferrigno che Morfino non erano al top della condizione»

L’inesauribile Giuliana Di Emanuele (nella foto insieme a Sofia Guastella aggiunge: «Abbiamo vinto una battaglia, un atleta non può mai mollare, ecco perché tutte abbiamo dato il massimo. Sul 2-1 alla fine del terzo set pensavo il peggio, ma questo gruppo ha dentro di sé una forza unica, la stessa che ci ha portato alla vittoria. Io la migliore in campo? Non spetta a me dirlo, sono però consapevole di aver disputato una grande gara. La chiave del successo? Loro attaccavano bene, infatti abbiamo sofferto un po’ in difesa, ma del resto anche il Messina non era messo poi così bene dietro, dunque abbiamo cercato di colpire nel punto più debole. Al ritorno sarà dura, ma noi non molleremo».