Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 979
VITTORIA - 10/02/2012
Sport - Calcio: I ragazzi di Gianni Monachelli irresistibili nell’ultimo mese

Miracolo Scoglitti, 13 punti in appena 6 partite

Il dirigente Salvo Iapichino svela i segreti del successo della formazione «arancio»
Foto CorrierediRagusa.it

Tredici punti in 6 partite. Lo Scoglitti Soccer di Giovanni Monachelli torna alla ribalta nel campionato di Prima categoria. Nel giro di un mese e mezzo la squadra arancio è passata dal terz’ultimo al quarto posto della classifica, realizzando la bellezza di 18 reti subendone viceversa soltanto 5.

Finalmente è arrivata la scossa; d’altronde non era possibile accettare, fino a qualche mese fa, un campionato così scadente quanto incomprensibile allo stesso tempo. Il terzo posto - lontano solo un punto dagli uomini di Monachelli – diventa adesso il prossimo obiettivo da raggiungere.

"E’ logico pensarci – dice il dirigente Salvo Iapichino – siamo rientrati in gioco e adesso sì che proveremo a fare sul serio. Il pallino rimane sempre lo stesso: effettuare il salto di categoria tramite i playoff, visto e considerato che il Canicattini ha ormai ipotecato la vittoria finale del primo posto" Ma la risalita dello Scoglitti passa anche da alcune operazioni di mercato effettuate lo scorso mese. Dopo gli acquisti di Virduzzo, Ferro, e dei fratelli Giovanni e Giulio Rotondo, seguiva infatti l’addio del gruppo storico dalla squadra; ovvero le rinunce al progetto di rilancio di Monachelli da parte dei vari Micieli, Cosentino, Bennice, Modica e Mignacca.

"La decisione di chiudere i rapporti con questi giocatori non è avvenuta da parte nostra - ci tiene a precisare Iapichino - una serie d´incomprensioni hanno portato alla rottura, non voluta certamente né dal sottoscritto né da altri dirigenti".

Come siamo cresciuti dal punto di vista tecnico? "Giocando senza una vera e propria prima punta riusciamo ad essere più incisivi. Con tre falsi attaccanti non diamo punti di riferimento in avanti e la squadra sembra più compatta anche dietro. Il tempo di potersi integrare da parte dei nuovi arrivati. Adesso, con la classifica attuale, è giusto pensare ai playoff. D´altra parte disputeremo in casa diverse partite decisive. Dunque massima concentrazione da qui fino alla fine del campionato".