Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 901
VITTORIA - 01/02/2012
Sport - Calcio: l’accordo prevede le dimisisoni di presidente e del suo vice

Il Vittoria chiude, la squadra consegnata al sindaco

E’ andato via anche il direttore sportivo Franco Pluchino

Occorre evitare a tutti i costi un finale inglorioso. Entro oggi o al massimo venerdì conosceremo il futuro del Vittoria. L’intera troupe di dirigenti, intanto, è pronta a giocarsi l’ultima chance rimasta a disposizione. Vale a dire la «comprensione» del Comune. L’accordo c’è già: immediate dimissioni dell’intero vertice societario (presidente e vicepresidente) e consegna della squadra all’ente pubblico di via Bixio.

Sarebbero questi i punti cardine di un passaggio societario ormai inevitabile, e dettato da una serie di circostanze negative che mai come in questa stagione hanno segnato la storia calcistica dei colori biancorossi.

Salvare il salvabile, e non è la prima volta che accade in questa stagione. Ci eravamo preoccupati dopo le prime incomprensioni sorte tra i dirigenti locali e quelli di Catania; ci siamo illusi con il progetto di rilancio Mascara; costretti a rassegnarci ancora una volta dopo l’ennesimo «no» di una cordata locale che ha gettato tutti nello sconforto. Insomma, non ci resta che sperare in un atto di forte responsabilità da parte dell’Amministrazione comunale, perché il destino dei biancorossi passa ora attraverso le mani del sindaco Giuseppe Nicosia.
Si dimostrerà del tutto insensibile di fronte alla causa attuale (senza avere nemmeno tutti i torti) oppure darà esempio di grande aiuto e vicinanza a quella che rimane l’attività agonistica più seguita e amata della città? La conferma o meno arriverà soltanto nelle prossime ore. Intanto il mosaico della società continua a scomporsi.

L’ultimo ad andare via è proprio il diesse Franco Pluchino: "In questo modo non è più possibile andare avanti, la situazione è ormai insostenibile per tutti. La causa del malessere che ha portato il Vittoria in queste difficili condizione non spunta certamente oggi, ma ha origini ben più lontane. Se ci sono ancora possibilità di salvezza? Questo non posso assicurarlo. Gli altri dirigenti sono in contatto con gli organi dell’Amministrazione comunale, dunque è possibile che qualcosa si riesca a fare. Se giustifico o no il comportamento dei giocatori che hanno abbandonato la squadra? Per quanto riguarda i problemi su vitto e alloggio hanno la mia piena comprensione, purtroppo da solo non avevo il potere necessario in grado di risolvere il problema. Ma ci sono altri aspetti che non corrispondono a verità. Come alcune cifre legate agli stipendi menzionati dagli stessi giocatori. Non tutte sono reali".