Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 562
VITTORIA - 27/01/2012
Sport - Arti marziali: cinquanta allievi presso la scuola Gioiosa

A Vittoria "Judo giocando" per giovani

Il progetto è riconosciuto dallo stesso Coni e dalla Fijlkam
Foto CorrierediRagusa.it

Grazie all’attività costante della scuola Gioiosa di Vittoria, la disciplina sportiva di Judo cresce giorno dopo giorno. Merito anche del maestro Gaetano Spata, responsabile della promozione sportiva del judo in Sicilia e tecnico della delegazione judo città di Vittoria. Un impegno che trova riscontro tra i 50 atleti iscritti e divisi tra piccolissimi e adolescenti. Da anni ormai ci si allena presso i locali della scuola Gioiosa di Vittoria; un luogo dove confrontarsi, praticare sport e imparare una disciplina inserita all’interno del progetto scuola Fijlkam «Judo Giocando». Un evento riconosciuto dallo stesso Coni e dalla Fijlkam.

Il mese scorso è stata organizzata presso i locali del Palazzetto Comunale, la seconda edizione della «Befana del Judoka», la manifestazione di Judo organizzata dalla scuola Gioiosa con la collaborazione della ASD Titania di Catania. Un’edizione arricchita, rispetto a quella precedente dello scorso anno, dalla presenza delle delegazioni siciliane. Erano presenti infatti circa 80 bambini e 40 adulti provenienti dalle Province di Enna, Siracusa e Ragusa.

Una manifestazione fortemente sostenuta dal Tecnico Gaetano Spata e inserita a pieno titolo nel calendario federale della FIJLKAM regione Sicilia. Un tale evento non si verificava a Vittoria dal 1987, anno in cui il Palazzetto dello Sport di Vittoria ospitò una qualificazione per il campionato italiano Cadetti, organizzato dall’allora unica società vittoriese di Judo della Città: la Funajama. Ecco il motivo per cui la responsabile della Scuola Gioiosa Cecilia Russo e il tecnico Gaetano Spata hanno sostenuto fortemente il progetto.

La manifestazione si è articolata in 3 differenti momenti: una prima fase ha visto protagonisti i più piccolini, i quali guidati dai vari maestri hanno eseguito circuiti motori e semplici esercizi finalizzati al potenziamento delle tecniche basilari del judo. Nella seconda parte della mattinata spazio invece ai ragazzi di fascia più grande che hanno effettuato un turno di allenamento vero e proprio, con esercizi e simulazione di incontri agonistici. Infine, nel pomeriggio si sono allenati dando sfoggio delle competenze acquisite, i ragazzi più grandi e gli agonisti.