Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 979
VITTORIA - 20/01/2012
Sport - Calcio: decisione maturata nelle ultime ore, delusione tra i tifosi

Non c´è benzina, il Vittoria rinuncia alla trasferta a Modica

La società di noleggio del pullman non ha potuto garantire il trasferimento al "Caitina"
Foto CorrierediRagusa.it

Via il gruppo Mascara, ritornano Barravecchia e soci. I termini della transazione sono stati resi noti: 52mila euro andranno al gruppo Mascara, 40 mila per la gestione 2011 da riscuotere in due anni e 12 mila per la gestione Marcello Mascara del 2012 da prendere subito.

Si chiude così, non certamente in modo esaltante, un ciclo movimentato del calcio vittoriese che ha portato a risultati modesti come l´eliminazione dalla Coppa Italia e l´attuale posizione in classifica a 13 punti dalla seconda.

Eppure in casa biancorossa la parola d´ordine è "Vietato smobilitare". E´ questo il messaggio che il presidente Salvatore Barravecchia ha notificato ai giocatori al momento del suo (re) insediamento. Sono andati via i vecchi dirigenti Battaglia, D’Iapico e Mascara, e si sono insediati Barravecchia, Rosario Romano, Giuseppe Cassarino e l´avvocato Dario Drago, questi ultimi due saranno entrambi vice presidente.

Il presidente sarà Gino Vella, ex ultras della vecchia guardia che passa dalla curva al più difficile ruolo dietro una scrivania. La vera novità è comunque rappresentata dal ritorno di Massimo Fichera che assumerà il compito di direttore tecnico. Confermato anche Ezio Raciti, convinto a rimanere sulla panchina biancorossa fino al termine.

Con quali obiettivi il Vittoria continuerà? A Salvatore Barravecchia l’ottimismo non manca, ne è così convinto da convincere anche gli altri: "Il Vittoria ha sempre il pallino della serie C. Ma ci vuole tempo. Per questo campionato non è ancora perso tutto. Guardiamo ai play off e per raggiungerli dobbiamo dimezzare l’attuale svantaggio delle due squadre prime in classifica, Messina e Ragusa".