Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 883
VITTORIA - 17/01/2012
Sport - Calcio: oggi il ritorno di coppa, i biancorossi sono quasi all’ultima spiaggia

Il Vittoria punta sulla coppa, serve 3-0 per superare turno

All’andata la formazione di Raciti perse 2-0. C’è il precedente col Taormina l’anno scorso: 2-2, supplementari e calci di rigore vincenti
Foto CorrierediRagusa.it

La partita che può salvare una stagione. La gara con l’Avola (semifinale di ritorno) dirà quale sarà il futuro della società biancorossa, rilevata di nuovo da Salvatore Barravecchia. Per compiere l’impresa occorrono almeno 3 reti; con il 2-0 si andrebbe ai supplementari, in caso ultimo via ai calci di rigore. Altrimenti? L’eventualità è semplice: senza obiettivi e speranze in coppa Italia (ovvero l’unica strada rimasta percorribile destinazione playoff o ripescaggio) non avrebbe senso mantenere un organico di così alto livello tecnico. Terzi o quarti in campionato senza la possibilità di disputare gli spareggi a cosa potrebbe servire?

Serve una dimostrazione di carattere e determinazione, serve farlo necessariamente. Basta ripetere la gara contro l’Orlandina. Un’altra partita da giocare con prepotenza, come quella di domenica scorsa. Le reti di Santonocito, Italiano ed Esposito hanno dimostrato che al di là di tutto questo gruppo è rimasto sempre unito al suo interno. Merito soprattutto dell’allenatore Ezio Raciti.

Per mantenere vive le ultime considerazioni serve un’altra grande prestazione. C’è il precedente dell’anno scorso. Stessa identica situazione contro il Taormina al Comunale. Dal due a zero dell’andata in favore dei messinesi al due pari, con festa finale ai rigori e cucchiaio di Cordaro al quinto tiro. Partita che riportò alla base tantissimo entusiasmo, tanto da permettere alla squadra di Campanella di aggiudicarsi in seguito la finale con l’Alcamo. Sarebbe soprattutto un grande regalo per i tifosi; un modo per riportarli in curva dopo lo sciopero.